Ferragni-Balocco, l’inchiesta verso l’ipotesi di truffa

Redazione
08/01/2024

La relazione depositata lunedì 8 gennaio dalla Gdf in procura a Milano, in cui vengono analizzate alcune email, potrebbe accantonare la prospettiva accusatoria di frode in commercio. Finita sotto indagine anche la bambola griffata Trudi.

Ferragni-Balocco, l’inchiesta verso l’ipotesi di truffa

Potrebbe modificare la prospettiva accusatoria dell’indagine, al momento senza indagati e titolo di reato, la relazione depositata lunedì 8 gennaio dalla Gdf in procura a Milano sul caso del pandoro griffato Chiara Ferragni e prodotto dalla Balocco. Da quanto si è appreso, per via di una serie di email valorizzate nelle carte acquisite negli uffici dell’Antitrust, l’ipotesi di reato, ancora da formulare, potrebbe essere non più frode in commercio bensì truffa.

LEGGI ANCHE: Coca Cola sospende lo spot con Chiara Ferragni

Il caso del Pandoro Pink Christmas

Insieme alla procura di Milano quelle di Prato e di Trento hanno aperto un fascicolo conoscitivo sul caso. È un atto dovuto a seguito dell’esposto del Codacons che ha denunciato l’influencer in 104 procure di tutta Italia. Secondo l’Antitrust, Chiara Ferragni e la Bolocco hanno pubblicizzato il Pandoro Pink Christmas facendo pensare ai consumatori che, acquistandolo, avrebbero contribuito a una donazione benefica all’ospedale Regina Margherita di Torino. Si è scoperto invece che i ricavi delle vendite non erano correlati alla donazione, poiché la Balocco aveva già effettuato una donazione di 50 mila euro a maggio 2022. Le società riconducibili a Chiara Ferragni, inoltre, hanno incassato dall’iniziativa un cachet oltre 1 milione di euro.

Indagini anche sulla bambola Trudi

L’indagine della procura di Milano sulle attività di beneficenza di Ferragni si sarebbe allargata anche alla bambola Trudi, limited edition creata dopo il matrimonio con Fedez per supportare Stomp out bullying, no profit impegnata contro il cyberbullismo. Gli investigatori vogliono capire in che modo sia stata effettuata la distribuzione del denaro incassato dalla vendita. Lo riporta La Verità.