Chiara Ferragni contro l’Antitrust dopo la multa per il pandoro: «Decisione ingiusta, la impugnerò»

Redazione
15/12/2023

L'imprenditrice digitale si è difesa sui social: «C'è chi si ostina a vedere del negativo in un'operazione in cui tutto è stato fatto in totale buona fede». E ancora: «Io e la mia famiglia continueremo a fare beneficenza così come abbiamo sempre fatto».

Chiara Ferragni contro l’Antitrust dopo la multa per il pandoro: «Decisione ingiusta, la impugnerò»

Chiara Ferragni ha respinto le accuse sui mancati versamenti all’ospedale Regina Margherita di Torino relativi alla vendita del Pandoro Pink Christmas. L’Antitrust, nella giornata di venerdì 15 dicembre, ha multato per 1,4 milioni di euro due società legate all’influencer e la Balocco, per promozione ritenuta scorretta sul prodotto dolciario. L’influencer ha risposto sui social e ha già annunciato che presenterà ricorso: «La decisione è ingiusta, la impugnerò».

Perché l’Antitrust ha multato Chiara Ferragni e Balocco

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha spiegato che le aziende «hanno fatto intendere ai consumatori che acquistando il pandoro “griffato” Ferragni avrebbero contribuito a una donazione all’Ospedale Regina Margherita di Torino». Ma la donazione «di 50 mila euro, era stata  invece già effettuata dalla sola Balocco mesi prima». Mentre le società dell’imprenditrice digitale «hanno incassato dall’iniziativa oltre 1 milione di euro», senza versare nulla all’ospedale. Chiara Ferragni, però, non ci sta e ha voluto sottolineare l’impegno nel sociale che la caratterizza da sempre.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni)

Ferragni: «Quel che conta è il macchinario all’ospedale»

Nella prima di due stories sul proprio profilo Instagram, Chiara Ferragni ha dichiarato: «Mi dispiace che, dopo tutto l’impegno mio e della mia famiglia in questi anni sul fronte delle attività benefiche, ci si ostini a vedere del negativo in un’operazione in cui tutto è stato fatto in totale buona fede. Quella con Balocco è stata un’operazione commerciale come tante ne faccio ogni giorno. In questa in particolare ho voluto sottolineare la donazione benefica fatta da Balocco all’ospedale Regina Margherita perché per me era un punto fondamentale dell’accordo. E sapere che quel macchinario che permette di esplorare nuove cure terapeutiche per i bambini affetti da Osteosarcoma e Sarcoma di Ewing ora è lì in ospedale, è quel che più conta».

Chiara Ferragni contro l'Antitrust dopo la multa per il pandoro «Decisione ingiusta, la impugnerò»
La prima delle due stories di Chiara Ferragni (Instagram).

L’annuncio: «Impugnerò la decisione, è ingiusta»

Poi Ferragni ha concluso con l’annuncio del ricorso: «Sono dispiaciuta se qualcuno possa aver frainteso la mia comunicazione e messo in dubbio la mia buona fede. Io e la mia famiglia continueremo a fare beneficenza così come abbiamo sempre fatto perché mai vorrò rinunciare a questa parte della mia vita. E dal momento che ritengo ingiusta la decisione adottata nei miei confronti, la impugnerò nelle sedi competenti».

Chiara Ferragni contro l'Antitrust dopo la multa per il pandoro «Decisione ingiusta, la impugnerò»
La seconda story (Instagram).