Germania, l’uscita della ministra della Cultura sull’Italia alla Fiera del libro di Francoforte: «Adesso arrivano i fascisti?»

Stefano Grazioli
09/01/2024

La Buchmesse si terrà a ottobre dopo le Europee e dopo le elezioni regionali nell'Est dove secondo i sondaggi vincerà l'AfD. E così Frau Roth ha espresso la sua preoccupazione sulla deriva destrorsa che potrebbe assumere l'appuntamento di cui siamo Paese ospite.

Germania, l’uscita della ministra della Cultura sull’Italia alla Fiera del libro di Francoforte: «Adesso arrivano i fascisti?»

Sarà ormai che in Germania l’Alternative für Deutschland, la formazione di estrema destra che i sondaggi danno in grande ascesa sia in vista delle Europee di giugno che per il voto regionale in tre Länder dell’Est in autunno, è diventato il nemico numero uno del governo e dei partiti tradizionali e che in Europa i governi sovranisti non sono proprio ben visti, dall’Ungheria alla Slovacchia fino all’Italia, ma l’ultima sparata della ministra della Cultura tedesca Claudia Roth in questi giorni in visita nel nostro Paese a rischia di sollevare un bel polverone.

L’uscita della ministra Roth sull’Italia Paese ospite alla Buchmesse: «Adesso arrivano i fascisti?»

Frau Roth, Verde come la sua collega agli Esteri Annalena Baerbock, anche se con una carriera politica alle spalle un po’ più robusta, sarebbe preoccupata per lo stato dei preparativi per la Buchmesse, la Fiera del libro di Francoforte, la più grande al mondo, della quale l’Italia avrà l’onore di essere il Paese ospite. Tra parentesi, commissario straordinario per l’edizione 2024 è Mauro Mazza, ex direttore del Tg2 con il cuore a destra, la cui nomina, dopo le dimissioni non senza polemiche di Ricardo Franco Levi, è stata proposta dalla premier Giorgia Meloni. Per Roth la parte italiana, così recita la notizia lanciata martedì dall’agenzia Kna (Katholische Nachrichten Agentur, servizio vicino alla Chiesa cattolica tedesca) ha sottovalutato il significato politico che la Fiera del libro potrebbe avere dopo le tre elezioni regionali in Brandeburgo, Turingia e in Sassonia, che potrebbero condurre a un vero e proprio terremoto politico con il successo dell’estrema destra della AfD. «E poi arriva l’Italia», ha affermato la ministra dopo aver incontrato lunedì anche il ministro dei Beni Culturali Gennaro Sangiuliano, con i visitatori della fiera del libro potrebbero pensare: «Adesso arrivano i fascisti?».

Germania, l'uscita della ministra della Cultura sull'Italia alla Fiera del libro di Francoforte: «Adesso arrivano i fascisti?»
Gennaro Sangiuliano (Imagoeconomica).

L’ombra di Acca Larentia agita il Ppe di Manfred Weber

Claudia Roth ha spiegato di voler sostenere l’Italia e contribuire al successo della Buchmesse, in calendario tra il 16 e il 20 ottobre, dopo appunto il voto regionale che si terrà a settembre. Finora i preparativi da parte italiana non hanno fatto grandi progressi, secondo la ministra, che si è detta preoccupata. A quanto pare però non solo per questioni organizzative, ma politiche. La visita in Italia della ministra del governo di Olaf Scholz, una coalizione tra socialdemocratici, verdi e liberali, si concluderà giovedì ed è arrivata nel pieno del dibattito interno sulla vicenda di Acca Larentia, giunto comunque anche a Bruxelles. Il tedesco Manfred Weber, leader dei conservatori del Ppe, ha condannato senza mezzi termini l’episodio: «In Europa non c’è posto per il saluto fascista e noi lo condanniamo con la massima fermezza». In attesa di vedere chi arriverà davvero a ottobre a Francoforte.