Il figlio di Marcello Foa lavora nello staff di Matteo Salvini

Il figlio di Marcello Foa lavora nello staff di Matteo Salvini

02 Agosto 2018 14.46
Like me!

Anche Marcello Foa tiene famiglia. Mentre il giornalista sponsorizzato da Matteo Salvini, e bocciato alla presidenza Rai dalla commissione di Vigilanza, per il momento dichiara che «continuerà a coordinare il cda come consigliere anziano», suo figlio 24enne lavora proprio nello staff della Comunicazione del ministro dell'Interno e vicepremier. A scoprirlo è stato l'Espresso spulciando il profilo Linkedin di Leonardo Foa. E dire che il 31 luglio, il candidato salviniano alla presidenza di Viale Mazzini assicurava il suo «impegno a garantire l'autonomia dei giornalisti per un'informazione di servizio pubblico» che fosse «autorevole, indipendente e autenticamente pluralista. La Rai è una risorsa per il Paese e non solo per l'informazione», aggiungeva convinto, «risorsa che va onorata e difesa nell'interesse esclusivo dei cittadini. Le logiche della partitocrazia sono estranee ai miei valori e alla mia cultura che, invece, contemplano un solo impegno incrollabile: quello nei confronti di un giornalismo libero, trasparente e intellettualmente onesto, senza pregiudizi ideologici». Ai giornalisti che gli chiedevano se la scelta di Leonardo Foa fosse imbarazzante Salvini ha risposto «assolutamente no».

LAUREA ALLA BOCCONI E POI CON MORISI

Partitocrazia o meno, Leonardo Foa è stato assunto proprio nello staff del più grande sponsor di suo padre. Nulla da dire sul curriculum del ragazzo, certo. Laurea alla Bocconi in Economia aziendale e management e master alla Scuola di management di Grenoble. Poi alcuni stage e una esperienza come guida al Teatro alla Scala e ,infine, nel settembre 2017 l'ingresso in SistemaIntranet.com, e cioè la società di Luca Morisi e Andrea Paganella che si occupa della comunicazione social di Matteo Salvini. Da qui il giovane Foa è stato chiamato nello staff del vicepremier.

DI MAIO E IL CASO MONTANINO

La coincidenza però potrebbe fare storcere il naso ai tanti supporter di Marcello Foa, giornalista «sovranista» e dalla «schiena dritta» sulla cui nomina Salvini ha ingaggiato una vera e propria battaglia di principio (un po' come accadde con Paolo Savona) tanto da arrivare a far scricchiolare il centrodestra. E forse creerà qualche maldipancia ai sostenitori del Movimento 5 stelle, quelli che fino all'altro ieri gridavano contro la politica in Rai, le parentopoli, le raccomandazioni e contro la mancanza di meritocrazia. Una cosa però è certa. Questo governo del cambiamento dà effettivamente spazio ai giovani. Il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio per esempio ha nominato a capo della segreteria dei suoi ministeri la giovane Assia Montanino da Pomigliano D'Arco. Brillante 26enne con una laurea in Economia, nessuna esperienza e tanta onestà, Montanino – che già aveva tentato di essere eletta col M5s nella sua città senza riuscirci – guadagnerà oltre 70 mila euro l'anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *