Allarme del Ft: il governo giallo-verde come Weimar

21 Maggio 2018 11.11
Like me!

Non ha senso paragonare l'ondata populista di oggigiorno ai fascisti ed ai nazisti di 80-90 anni fa, ma tuttavia c'è un chiaro parallelo tra la caduta delle Repubblica di Weimar in Germania e l'attuale vulnerabilità delle élite liberali in Europa. È la nuova, dirompente, tesi a firma dall'autorevole commentatore di affari europei Walter Munchau sulle pagine del Financial Times.

Governo M5s-Lega, Popolari europei all’attacco

“State giocando col fuoco perché l’Italia è pesantemente indebitata”. Il leader dei Popolari europei, Manfred Weber, ha attaccato il nascente governo italiano targato Movimento 5 stelle-Lega, dichiarando ai media tedeschi: “Le azioni irrazionali o populiste potrebbero provocare una nuova crisi dell’euro”. Weber ha quindi lanciato “un appello a restare entro i confini della ragione”.

Nonostante le polemiche scatenate da Roma apre le porte ai moderni barbari, il quotidiano britannico non rinuncia a mettere in guardia i suoi lettori dal pericolo rappresentato dalla situazione politica italiana ed alla nascita a Roma di un governo formato dal Movimento 5 stelle (M5s) e dalla Lega.

MANCANO GLI ANTICORPI. Nell'analisi pubblicata domenica 20 maggio, Munchau smonta uno ad uno gli argomenti avanzati da molti osservatori secondo quali la democrazia liberale in generale ed il sistema politico italiano in particolare avrebbero tutti gli anticorpi per impedire al governo M5s-Lega di far uscire l'Italia dall'euro e di conseguenza distruggere l'intera costruzione europea degli ultimi decenni.

LA LEZIONE DI WEIMAR. La lezione della Repubblica di Weimar fu, sostiene Munchau, che se la democrazia liberale per un lungo periodo di tempo non riesce a distribuire prosperità ad una porzione della popolazione sufficientemente vasta, allora è destinata a finire miseramente assieme alle sue istituzioni finanziarie ed economiche. Un secolo fa, la sua disintegrazione portò all'ascesa di Adolf Hitler.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *