I risultati delle elezioni 2019 in Finlandia

I risultati delle elezioni 2019 in Finlandia

14 Aprile 2019 17.35
Like me!

La sinistra ha vinto di un soffio le elezioni politiche in Finlandia – e potrebbe tornare a guidare il governo dopo 20 anni – con un vantaggio risicato sui populisti dei Veri Finlandesi che hanno mancato un clamoroso trionfo per una frazione di punto. Il Partito socialdemocratico (Sdp), guidato di Antti Rinne, ha ottenuto il 17,7% rispetto al 17,5% dei populisti (in calo di 0,2 punti rispetto al 2015). Per i socialdemocratici, invece sarebbe un buon risultato con 1,2 punti in più. Dietro di loro si colloca la formazione "Coalizione nazionale" col 16,9%. Flop del partito di centro dell'ex premier Juha Sipila che è passato dal 21,1% al 13,8%. Boom invece dei Verdi che hanno conquistato un 3% in più passando dall'8,5 all'11,5%.

LEGGI ANCHE: Il peso delle elezioni in Finlandia in vista delle Europee 2019

La partita per guidare il Paese dovrebbe passare nelle mani dei socialdemocratici dell'ex sindacalista Antti Rinne: la maggioranza dei finlandesi sembra aver puntato sulla lotta al cambiamento climatico e sulla difesa del generoso modello di welfare invidiato in tutto il mondo, ma indebolito da anni di austerità sotto il governo di Sipila. Sipila si era dimesso il mese scorso proprio dopo la bocciatura della sua riforma sanitaria, che voleva ridurre sensibilmente i costi per la salute. Rinne, al contrario, in campagna elettorale ha puntato su un rafforzamento dello stato sociale, promettendo tra le altre cose di aumentare le pensioni di 100 euro al mese per fare uscire dalla povertà oltre 55mila persone.

SI APRE IL NODO DELLE ALLEANZE

Il premier in pectore non ha avuto paura di chiedere un aumento delle tasse, che sono già tra le più alte in Europa, con un'aliquota massima per le persone fisiche di oltre il 51%. In un Paese, tra l'altro, in cui c'è un'aspettativa di vita tra le più alte Europa (gli over 65 superano il 21% della popolazione), con evidenti conseguenze sulla spesa pubblica. Programmi a parte, il primo problema dei socialdemocratici sarà trovare partner per una coalizione. Perché i numeri non consentiranno loro di governare da soli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *