Come funziona la flat tax per i dipendenti lanciata da Salvini

Come funziona la flat tax per i dipendenti lanciata da Salvini

18 Marzo 2019 07.33
Like me!

In apertura di una settimana segnata dallo Sblocca-cantieri e probabilmente anche dalle prime riunioni di governo in vista del Def e del ddl Crescita, Matteo Salvini alza la posta sulle opere e rilancia una delle proposte bandiera della Lega, la flat tax, facendo bocciare però al suo partito uno studio del Mef secondo il quale la proposta costerebbe quasi 60 miliardi. La flax tax «è un impegno preso con gli elettori e poi trasfuso nel contratto di governo», ha rassicurato il premier Giuseppe Conte, ma ha anche precisato: «Sicuramente la riforma organica va completata, ma non ho sul tavolo un progetto riformatore, ci stanno lavorando le forze politiche, i ministri competenti e vedremo tutti insieme. Sicuramente porteremo anche a termine questo progetto riformatore».

LEGGI ANCHE: Al ministero dell'Economia, la flat tax di Salvini non l'hanno mai vista

LA LEGA INSISTE SUL VIA LIBERA A TUTTI I CANTIERI

Il Cdm del 20 marzo, confermano da Palazzo Chigi, sarà chiamato a mettere il sigillo al decreto. Ma, da qui alle prossime 72 ore, le discussioni nel governo non mancheranno, con la Lega che vuole un via libera «a tutti i cantieri», da Nord a Sud, inserendo anche l'edilizia privata nel provvedimento. «Conto che gli amici del M5s ci diano una mano a riaprire i cantieri», sottolinea Salvini chiedendo una riduzione dei tempi anche nel periodo che va dall'appalto all'apertura dei cantieri.

LEGGI ANCHE: Cosa dice l'ultima proposta di legge leghista sulla flat tax

IL NODO DEL COMMISSARIO UNICO

Il leader della Lega non cita un altro dei nodi giallo-verdi: l'introduzione di un commissario unico ai cantieri sulla quale, tuttavia, resta secco il no sia del premier sia dei Cinque stelle. La volontà di Conte rimane quella di ascoltare il contributo di tutti tenendo però tra le sue mani un dossier delicato, al quale anche il M5s guarda con attenzione per scrollarsi di dosso l'etichetta del partito del no. E fonti di maggioranza, non a caso, sottolineano come Conte, sullo Sblocca-cantieri, stia lavorando da settimane con «concretezza».

NEL 2019 FLAT TAX PER I LAVORATORI DIPENDENTI

Dalla Basilicata, invece, è sulla flat tax familiare che Salvini punta. «Non abbiamo smesso di lavorarci giorno e notte, nel 2019 ci sarà una flat tax per i lavoratori dipendenti», annuncia il vicepremier. La proposta riguarderebbe una doppia aliquota sul reddito familiare, con deduzioni progressive per ogni componente a seconda della soglia di reddito annuale. La Lega rilancia la proposta a ridosso delle Europee ma, sul provvedimento, servirà un lavoro lungo e dall'esito incerto.

IL M5S FRENA SUI COSTI DELLA MISURA

Una simulazione del Mef dello scorso febbraio assegnerebbe alla flat tax familiare un costo da 59,3 miliardi, cifra di fatto insostenibile in una congiuntura dove Roma dovrà innanzitutto trovare i fondi per evitare lo scatto delle clausole di salvaguardia. «Numeri strampalati», per Salvini, secondo cui «per la prima fase bastano tra i 12 e i 15 miliardi di euro per un abbattimento fiscale a tante persone». Di Maio, sulla proposta, apre ma con prudenza. «Sono fiducioso che sulla flat tax familiare troveremo una soluzione ma l'importante è non fare facili promesse alla Berlusconi», avverte il leader del M5s. Fdi rilancia la "sua" Flat tax come «unica proposta realistica», mentre la Lega confuta lo studio del Mef in quanto antecedente all'elaborazione della flat tax-fase II, rivolta a tutte le famiglie fino a 50mila euro di reddito. Proposta che incide per «10-12 miliardi», sottolinea Armando Siri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *