Flavio Briatore sbarca a Cortina per gestire il ristorante El Camineto

L'addio della famiglia Melon, dopo 20 anni in cui si è fatta apprezzare molto dalla clientela, e l'arrivo dell'imprenditore che allarga il suo gruppo e promette che la tradizione del locale verrà rispettata.

Flavio Briatore sbarca a Cortina per gestire il ristorante El Camineto

Flavio Briatore, con il suo gruppo Majestas, arriva a Cortina d’Ampezzo e, nella serata di mercoledì 6 dicembre, è pronto ad avviare la stagione invernale della baita-ristorante El Camineto, fin qui gestito dalla famiglia Melon. Si chiude, dunque, una vera e propria epoca per il locale che passa da una gestione familiare a una più orientata al business di nuovo concezione.

L’addio della famiglia Melon

Con l’arrivo di Flavio Briatore il locale cambierà, inevitabilmente, nel suo DNA, prima di tutto perché non ci sarà più nessuno della famiglia Melon ad accogliere i clienti. Gli storici Romeo e Orietta, famosi per essere sempre presenti a lavorare nel ristorante, hanno deciso di fermarsi e in un breve comunicato hanno detto: «Quasi 20 anni a El Camineto sono stati una bellissima avventura, passiamo il testimone con i migliori auguri a chi ama la nostra Cortina e la tiene nel cuore come noi». Nella nuova gestione, la cucina verrà affidata allo chef Riccardo Rasina, con la scelta che sarebbe arrivata per garantire la continuità dei sapori e dei profumi. Briatore ha garantito che «l’unione tra la tradizione e i valori rappresentati da El Camineto e l’esperienza e la professionalità del management di Twiga Forte dei Marmi, che si occuperà della gestione, saranno una formula vincente».

Il gruppo di Briatore si allarga

Con il nuovo investimento a Cortina, il gruppo di Flavio Briatore, il Majestas, si allarga. Dopo i locali Billionaire, Twiga e Crazy Pizza, e i brand in licenza Cipriani Monte Carlo, Cova Monte Carlo e Cova Doha, affronta una nuova avventura. Più nello specifico, nel comunicato del gruppo rilasciato in occasione dell’apertura della nuova attività si legge che «Majestas è presente in sei Paesi con 13 controllate e sette in licenza tra Europa, Regno Unito, Medio Oriente. I dipendenti sono 1.100». A spiegare le ragioni di questo investimento è stato lo stesso Flavio Briatore: «Crediamo fortemente in Cortina, località che andrà a competere a livello internazionale con le migliori stazioni sciistiche e che ospiterà le Olimpiadi nel 2026. Sarà una bella sfida».