Fmi: lo yuan deve salire

Redazione
07/10/2010

«La Cina dovrebbe accelerare l’apprezzamento dello yuan, dal momento che una guerra delle valute è una minaccia che va presa...

«La Cina dovrebbe accelerare l’apprezzamento dello yuan, dal momento che una guerra delle valute è una minaccia che va presa sul serio e la svalutazione dello yuan è fonte di una crescente tensione nell’economia mondiale».
E il Fondo monetario internazionale (Fmi) farà delle proposte per evitarla. Ad affermarlo il direttore generale dell’Fmi Dominique Strauss-Kahn, in un’intervista a Le Monde, in cui ha anche aggiunto che teme che con il miglioramento della congiuntura si faccia più forte la tentazione di soluzioni protezionistiche basate sulle valute.
«Lo abbiamo visto con l’intervento giapponese per fare scendere lo yen e con gli allarmismi brasiliani per quanto riguarda l’aumento del real». Parlando più specificamente della politica economica e monetaria cinese, il numero uno del Fmi ha affermato che un apprezzamento dello yuan contribuirà alla lotta all’inflazione e farà ripartire il consumo domestico del gigante asiatico.
«Se si vuole evitare di creare le condizioni di una nuova crisi, occorre che la Cina acceleri il processo di rivalutazione». Ad ogni modo secondo Strauss-Kahn le politiche economiche cinesi per gestire la crisi stanno andando nella direzione giusta.