Foggia, spari contro l’auto del capitano dopo la sconfitta ai playoff

Redazione
19/06/2023

La Jeep Renegade di Davide Di Pasquale, parcheggiata allo stadio Pino Zaccheria, è stata centrata da tre colpi d'arma da fuoco. La Digos indaga a due anni e mezzo da un altro fatto di cronaca. Nel dicembre 2020 qualcuno aveva dato fuoco alla porta d'ingresso dell'ex capitano Federico Gentile.

Foggia, spari contro l’auto del capitano dopo la sconfitta ai playoff

L’auto di Davide Di Pasquale, difensore e capitano del Foggia, è diventata un bersaglio nella notte tra domenica 18 e lunedì 19 giugno. Poche ore dopo il ko dei rossoneri nella finale di ritorno dei playoff di Serie C contro il Lecco, qualcuno ha sparato almeno tre colpi d’arma da fuoco contro la vettura, parcheggiata all’interno dello stadio Pino Zaccheria di Foggia, da cui la squadra è partita nei giorni scorsi verso l’impianto della squadra avversaria, il Rigamonti-Ceppi. Nessun ferito, visto che l’auto era parcheggiata senza nessuno all’interno. L’unico danno, oltre ai fori nella carrozzeria, è stato al finestrino del guidatore mandato in frantumi.

La vettura di Davide Di Pasquale centrata con tre colpi di pistola
Un’auto dei carabinieri (Imagoeconomica).

Spari contro l’auto di Di Pasquale: la Digos indaga

Ora toccherà alla Digos stabilire chi sia stato a sparare contro la Jeep Renegade del capitano del Foggia. Il calciatore ha scoperto cosa fosse successo soltanto al ritorno in città, in tarda notte. Di Pasquale ha disputato 33 partite durante lo scorso campionato, ma non è sceso in campo nel match di ritorno perso per 3-1, che ha sancito la promozione in Serie B del Lecco e la fine del cammino dei pugliesi. I rossoneri avevano perso anche la partita d’andata in casa per 2-1. Secondo alcuni giornali locali, i gruppi ultras del Foggia prenderanno le distanze da ciò che è successo già nelle prossime ore. Un gesto coerente con quanto accaduto a fine gara: dopo la sconfitta i tifosi hanno applaudito i calciatori.

La vettura di Davide Di Pasquale centrata con tre colpi di pistola
I tifosi del Foggia (Getty).

Nel 2020 era stato incendiato l’ingresso di casa all’ex capitano

Non è la prima volta che fatti di cronaca affiancano il calcio a Foggia. Nel dicembre del 2020, qualcuno ha incendiato la porta d’ingresso di casa di Federico Gentile, centrocampista che, all’epoca, vestiva la fascia da capitano della squadra pugliese. Due anni e mezzo fa, però, il calciatore era presente, in casa e a pochi passi dalla porta insieme alle figlie piccole. Grazie all’intervento di alcuni vicini di casa, che hanno spento le fiamme, è stato evitato il peggio.