No a un nuovo processo per i Bossi sui fondi della Lega

Confermata la sentenza in Appello di non luogo a procedere nei confronti di Umberto e di suo figlio Renzo. Condanna invece per l'ex tesoriere Belsito.

11 Settembre 2019 20.54
Like me!

La Cassazione ha confermato la sentenza di non luogo a procedere per l’ex leader della Lega, Umberto Bossi, e per suo figlio Renzo nell’ambito del filone milanese del procedimento sui fondi del Carroccio.

LA PROCURA VOLEVA ESTENDERE LA QUERELA DI SALVINI

Per l’ex segretario della Lega e suo figlio non è previsto dunque alcun nuovo processo, dopo che la Suprema corte ha respinto il ricorso della procura di Milano, che chiedeva di estendere anche ai due Bossi la querela presentata dal leader della Lega Matteo Salvini nei confronti del solo ex tesoriere Francesco Belsito, accusato di appropriazione indebita in merito alla vicenda della truffa elettorale.

CONFERMATA LA CONDANNA A BELSITO

Confermata anche la condanna inflitta in Appello proprio a Belsito, che è accusato di appropriazione indebita su querela avanzata dal segretario della Lega Matteo Salvini. L’ex tesoriere era stato condannato a un anno e otto mesi di reclusione, con pena sospesa, dalla corte di Appello di Milano il 23 gennaio 2019. Ora la Suprema Corte ha respinto il ricorso di Belsito contro la condanna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *