Francia, auto contro gendarmi: nessun ferito

Redazione
29/03/2018

Un veicolo ha tentato di investire oggi alcuni militari del reggimento di artiglieria a Varces-Allieres-et-Risset, nella regione dell'Isere, poco lontano...

Francia, auto contro gendarmi: nessun ferito

Un veicolo ha tentato di investire oggi alcuni militari del reggimento di artiglieria a Varces-Allieres-et-Risset, nella regione dell'Isere, poco lontano dal confine con l'Italia. Lo si apprende da fonti della polizia. Nessun ferito nel tentativo di attentato, l'individuo alla guida del veicolo, un'auto, rubata il giorno prima, è stato fermato dopo qualche ora.

ESCLUSO IL TERRORISMO. Le prime indagini sull'attacco propendono verso un crimine comune da parte di un alcolizzato e non verso un atto di terrorismo. Lo riferisce Bfm-tv. Il prefetto dell'Isère, ha evocato un "atto odioso" e annunciato che l'inchiesta è affidata alla polizia giudiziaria di Grenoble, la città dove è stato fermato l'attentatore dopo la fuga. Secondo la radio Europe 1 l'uomo avrebbe apostrofato i militari «in lingua araba».

PUNTATI I MILITARI DEL 93/O REGGIMENTO. I militari che l'auto ha tentato di investire facevano parte del 93/o reggimento di artiglieria di montagna e avevano appena cominciato a fare jogging vicino alla loro caserma. Il conducente del veicolo, che proveniva dalla direzione opposta al gruppo, ha gridato – a due riprese – degli insulti poi ha puntato i militari che, gettandosi in un fosso, sono riusciti ad evitare l'investimento.

INTERROGATI I MILITARI COINVOLTI. Per trovarlo sono state dispiegate diverse pattuglie nella zona. I militari hanno fornito descrizioni piuttosto precise, compreso il numero di targa del veicolo. I militari scampati all'investimento sono attualmente interrogati per stabilire la dinamica dei fatti e per cercare di studiare tutte le ipotesi di movente per l'aggressione. I gendarmi sarebbero attualmente in una stazione di servizio vicina alla caserma ed attrezzata con videocamere. L'esame delle immagini registrate potrebbe favorire l'inchiesta.

BLINDATE LE SCUOLE NELL'ISERE. l sindaco del paese Jean-Luc Corbet ha detto alla radio France Info che i bambini di tutte le scuole della zona sono confinati nelle classi e gli istituti, asili compresi, sono guardati a vista. Nessuno può entrare o uscire fino a nuovo ordine.

[mupvideo idp=”5759694874001″ vid=””]