Francia: ospizi gay contro le discriminazioni

Francia: ospizi gay contro le discriminazioni

28 Novembre 2013 21.51
Like me!

L’ultima trovata arriva dalla Francia: ospizi per gay, formazione ad hoc del personale delle case di cura e rispetto della diversità degli orientamenti sessuali.
Sono le principali proposte di un rapporto sull’invecchiamento di lesbiche, gay, bisessuali e transessuali (Lgbt) redatto da alcune associazioni francesi per i diritti degli omosessuali e attualmente al vaglio del governo.
«SOLUZIONI PRAGMATICHE». A giugno 2013 la ministra per la Terza età, Michele Delaunay, aveva commissionato a tre associazioni – ‘Groupe Sos’ (che gestisce i servizi e le case di cura per gli anziani), ‘Aides lui’ e ‘Sos Homophobie’ – un rapporto per trovare «soluzioni pragmatiche» per migliorare il trattamento e le condizioni di vita della comunità gay e dei sieropositivi durante la vecchiaia.
Le misure del rapporto devono essere discusse nell’ambito della futura legge «per adattare la società alla vecchiaia», voluta dal premier Jean-Marc Ayrault.
I DISAGI DOPO I 60 ANNI. Le principali difficoltà della comunità Lgbt e delle persone sieropositive dopo i 60 anni sono solitudine, precarietà finanziaria, sessualità. Inoltre attualmente nelle case di riposo esistono forme di discriminazione nei confronti degli omosessuali.
Tra le 23 soluzioni proposte c’è quindi «la creazione di luoghi d’accoglienza sperimentali comunitari», una sorta di ‘ospizi per omosessuali’, visto che le case di cura tradizionali sono spesso inadeguate ad accogliere questa comunità.
«RISTABILIRE L’UGUAGLIANZA». «In sé l’invecchiamento della persone Lgbt non ha niente di particolare», hanno spiegato le associazioni, «ma il passato di discriminazioni di questa comunità crea specificità, difficoltà sociali, economiche e sanitarie, che devono essere tenute in considerazione per ristabilire l’uguaglianza di trattamento anche da senior».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *