Frattini a Baghdad perora la causa cristiana

Redazione
05/12/2010

Domenica 5 dicembre il ministro degli Esteri Franco Frattini ha raggiunto Baghdad, ultima tappa di un lungo viaggio tra i...

Frattini a Baghdad perora la causa cristiana

Domenica 5 dicembre il ministro degli Esteri Franco Frattini ha raggiunto Baghdad, ultima tappa di un lungo viaggio tra i paesi del Golfo.
Due gli obiettivi della visita: istituire un rapporto diretto con il governo iracheno guidato dal premier Nouri Al Maliki e perorare la causa della libertà religiosa e di quella cristiana in particolare. Un discorso particolarmente importante dopo l’attentato del 31 ottobre alla cattedrale siro-cattolica di Baghdad, con decine di vittime.
Le autorità islamiche hanno garantito a Frattini l’istituzione di una commissione parlamentare e di una task-force della polizia per la protezione delle minoranze cristiane.
Il ministro italiano ha anche provato a invocare clemenza per Tareq Aziz, braccio destro di Saddam Hussein recentemente condannato alla pena capitale. Nonostante i legami con il regime del Rais, Aziz era sempre stato vicino agli occidentali, con cui condivideva la fede cristiana.