Freccette, chi è il 16enne Luke Littler in finale ai Mondiali

Fabrizio Grasso
03/01/2024

Soprannominato The Nuke, la bomba atomica, al debutto assoluto potrebbe diventare il più giovane campione di sempre. Mercoledì 3 gennaio affronterà il numero 1 Humphries. Dal primo centro a 18 mesi ai festeggiamenti con kebab e Xbox, tutti i segreti del nuovo baby fenomeno.

Freccette, chi è il 16enne Luke Littler in finale ai Mondiali

Nel mondo delle freccette c’è un nuovo fenomeno, capace di stupire un centro dopo l’altro. Ai Mondiali di Londra sta infatti brillando la stella di Luke Littler, ragazzo del Cheshire capace di raggiungere la finale del torneo alla sua prima partecipazione. Ad appena 16 anni è a un passo dal diventare il più giovane campione di sempre, frantumando il record attuale di Michael van Gerwen, che nel 2014 vinse a 24 anni e nove mesi. In patria lo chiamano The Nuke, ossia la bomba atomica, per il suo impatto clamoroso nel circuito. Eppure c’è chi ha dubitato sulla sua reale età, salvo doversi ricredere dopo aver visto il certificato di nascita. Figlio di un tassista e una commessa, è nato il 21 gennaio 2007 a Runcorn, ma vive a Warrington. E grazie al suo percorso ha già messo in tasca 200 mila sterline (230 mila euro).

Il 16enne Luke Littler incanta ai Mondiali di freccette, dove il 4 gennaio giocherà la finale. I primi centri e la passione per kebab e Xbox.
Luke Littler durante i Mondiali di freccette a Londra (Getty Images).

La carriera di Luke Littler e il primo centro a 18 mesi

Sui social i fan impazziscono per lui, tanto che il suo account Instagram ha superato velocemente i 475 mila follower. Tra questi anche il calciatore del Tottenham James Maddison che lo ha invitato allo stadio per una partita degli Spurs. Vero predestinato delle freccette, ha iniziato a giocare ad appena 18 mesi. Un video ne certifica infatti la stoffa da predestinato mostrandolo mentre, con indosso il pannolino, non manca mai il bersaglio su una lavagna magnetica. «Da allora non mi sono mai fermato», ha spiegato Littler alla Bbc. «A quattro anni ho conosciuto già le persone giuste». Con il trasferimento a Warrington nel 2012 ha quindi perfezionato la tecnica, seguendo i genitori nei pub per quattro o cinque volte a settimana. «Già a 10 anni dimostrava di essere troppo bravo», ha aggiunto Karl Holden, ex coach del ragazzo. «Prima di compierne 11 giocava già con gli Under 21».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luke TheNuke Littler (@lukethenukelittler)

Nonostante la giovane età, la sua bacheca dei trofei è molto ricca. Campione del mondo 2023 fra i giovani, ha conquistato 12 tornei fra gli adulti ma soprattutto sta frantumando ogni record delle freccette. Con la sua prima vittoria al Mondiale del 20 dicembre contro Christian Kist è diventato il più giovane di sempre a conquistare un match nei campionati del mondo. Il successo più incredibile è però giunto in semifinale, dove ha sconfitto in un incontro capolavoro il numero 8 del ranking mondiale Rob Cross, vincitore nel 2018 del torneo al debutto assoluto. Una partita che assume i toni di un passaggio di consegne, in attesa della finale di mercoledì 3 gennaio contro il primatista mondiale Luke Humphries.

Xbox, kebab e calcio: le passioni di Littler al di fuori delle freccette

Lontano dai tabelloni di gioco, Luke “The Nuke” Littler ha spiegato di condurre una vita molto semplice. «Mi sveglio al mattino, gioco con la mia Xbox, mangio qualcosa e mi alleno», ha raccontato alla Bbc. «Poi vado a letto e basta». Senza dimenticare ovviamente la scuola. I suoi compagni lo attendono dopo le vacanze tra i banchi, dove potrebbe tornare da campione del mondo. «Può arrivare fino in fondo», ha detto la mamma a Sky Sports. «Il suo gioco migliora giorno dopo giorno». Ciò che non cambia mai è il rito per festeggiare ogni vittoria, quando si concede un buon kebab e una bibita gassata. Una vera e propria tradizione, tanto che un’azienda di Londra gli ha già garantito una fornitura gratuita a vita.

Il 16enne Luke Littler incanta ai Mondiali di freccette, dove il 4 gennaio giocherà la finale. I primi centri e la passione per kebab e Xbox.
Luke Littler durante i Mondiali di freccette a Londra (Getty Images).

Oltre alle freccette, “bomba atomica” Littler è fan di rugby e calcio ed è tifoso del Manchester United. Il 10 giugno 2023 ha persino condiviso su Facebook lo stemma dell’Inter, sperando in una sconfitta in finale di Champions League dei rivali del City. Intanto i club di Premier League fanno a gara per ospitarlo negli stadi. Il 31 ottobre è stato al Tottenham Hotspur Stadium, prima di andare in casa del West Ham per una partita degli Hammers. «La gente vuole sempre una foto con me, ma io mi tiro sempre su il cappuccio», ha raccontato il ragazzo. «Dentro di me penso: “Cosa sta succedendo?”. È incredibile». A chi gli chiede il suo segreto per vincere i match, racconta di non consumare alcol a differenza dei suoi avversari. «Ovviamente non bevo, il che mi concede un enorme vantaggio», ha scherzato. «Non mi sveglio col mal di testa».