Garante dei detenuti, M5s vota con la maggioranza al Senato: Pd e Avs escono dall’aula

Redazione
18/10/2023

Felice Maurizio D'Ettore sostituirà Mauro Palma e sarà il nuovo Garante delle persone private della libertà. Sarà coadiuvato dall'avvocata romana Irma Conti e dal civilista palermitano Mario Serio, rispettivamente indicati da Lega e dai pentastellati. Ma è scontro tra le opposizioni.

Garante dei detenuti, M5s vota con la maggioranza al Senato: Pd e Avs escono dall’aula

Felice Maurizio D’Ettore sostituirà Mauro Palma e sarà il nuovo Garante delle persone private della libertà, conosciuto anche come Garante dei detenuti. La decisione è stata presa dalla commissione Giustizia del Senato, con 15 voti favorevoli. A votare sì sono stati i partiti di maggioranza e il Movimento 5 stelle. Pd e Avs, invece, hanno abbandonato l’aula in polemica con il centrodestra e con i pentastellati. I futuri vice di D’Ettore, ex deputato di Forza Italia ora in Fratelli d’Italia, saranno l’avvocata romana Irma Conti e il civilista palermitano Mario Serio, rispettivamente indicati da Lega e M5s.

Scalfarotto contro il M5s: «Stampelle del governo per le poltrone»

Ivan Scalfarotto, senatore di Italia Viva, ha attaccato i pentastellati e Roberto Scarpinato, ex pm antimafia di Palermo che avrebbe indicato Mario Serio. L’accusa è di «fare la stampella del governo se c’è in ballo qualche poltrona com’è accaduto per la vigilanza Rai». Il via libera dovrà essere dato dalla Camera, che però ha rifiutato di ascoltare i tre candidati. Per D’Ettore, oltre al voto alla Camera, soltanto l’attuale incarico all’università di Firenze, dove insegna diritto privato, potrebbe diventare un ostacolo. Da regolamento il Garante non può essere un dipendente della pubblica amministrazione.

Garante dei detenuti, M5s vota con la maggioranza al Senato Pd e Avs escono dall'aula
Ivan Scalfarotto (Imagoeconomica).

Pd e Avs lasciano l’aula

Anche Pd e Avs hanno espresso il proprio disappunto, lasciando l’aula. I senatori dem Alfredo Bazoli, Anna Rossomando, Franco Mirabelli e Walter Verini, hanno definito «inaccettabile e intollerabile il metodo che la maggioranza e il governo hanno adottato per un organo di garanzia particolarmente delicato e che ha il compito di monitorare che sia salvaguardata la dignità personale dei detenuti e di segnalare eventuali abusi». La senatrice Ilaria Cucchi, di Avs, parla di scelta «inaccettabile perché perché priva dei requisiti richiesti quali competenza, indipendenza e di non essere alle dipendenze di una pubblica amministrazione. L’unico requisito della terna proposta dal governo Meloni è quella di essere vicina all’attuale maggioranza di destra».

Garante dei detenuti, M5s vota con la maggioranza al Senato Pd e Avs escono dall'aula
Ilaria Cucchi (Imagoeconomica).