Gasparri contro i comici Paolantoni e Izzo in commissione Vigilanza Rai: «Volgari e blasfemi sulla Natività»

Redazione
12/01/2024

Il 26 dicembre 2023 su Rai2 è stato trasmesso lo show Da Natale a Santo Stefano, durante il quale i due attori hanno inscenato la Natività del giorno dopo. Una scelta criticata dal senatore di Forza Italia, che ha chiesto ai vertici della tv di Stato di intervenire. A polemizzare anche Pro Vita & Famiglia.

Gasparri contro i comici Paolantoni e Izzo in commissione Vigilanza Rai: «Volgari e blasfemi sulla Natività»

Ci risiamo. Non è bastato lo show dello scorso novembre con cognac e carota: Maurizio Gasparri è tornato protagonista in commissione Vigilanza Rai. Ma stavolta lo ha fatto senza l’utilizzo di alimenti o alcolici. Il senatore, da novembre capogruppo al Senato del gruppo di Forza Italia, ha infatti attaccato i comici Francesco Paolantoni e Biagio Izzo. Tutto è partito dalla trasmissione andata in onda su Rai2 lo scorso 26 dicembre, dal titolo Da Natale a Santo Stefano. I due attori, accompagnati dalla voce di Stefano De Martino, hanno inscenato la loro Natività del giorno dopo. Uno sketch comico per cui sono stati criticati già nei giorni successivi da Pro Vita & Famiglia onlus e da Popolo e Libertà. Ora, però, è approdato anche al Senato.

Gasparri contro i comici Paolantoni e Izzo in commissione Vigilanza Rai «Volgari e blasfemi sulla Natività»
Il senatore Maurizio Gasparri (Imagoeconomica).

Gasparri: «La Rai deve intervenire»

Per il senatore, quella del 26 dicembre in onda su Rai2 è stata una «rappresentazione blasfema» nonché «volgare parodia» della Sacra Famiglia. Gasparri ha sottolineato, per di più, che è stata «trasmessa su un canale del servizio pubblico proprio nei giorni in cui il mondo cattolico festeggia la Natività». Da qui la richiesta ai vertici Rai, se non ritengano «che questa rappresentazione sia stata offensiva e abbia urtato fortemente la sensibilità dei telespettatori, credenti e non solo». E ha concluso attendendo di sapere «quali iniziative intenda intraprendere in merito» la Rai.

LEGGI ANCHEIl ruolo distorto della commissione Vigilanza Rai, ridotta a sfogatoio di lamentele dei partiti

L’attacco di Coghe e Giovanardi: «Scimmiottamento di pessimo gusto»

Già l’8 gennaio, però, erano arrivati i primi attacchi. Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia, ha dichiarato sui social: «Lo scorso 26 dicembre è andata in onda su Rai2 la trasmissione Da Natale a Santo Stefano, presentata da Stefano De Martino dove Biagio Izzo e Francesco Paolantoni hanno messo in scena una rappresentazione blasfema e volgare della Natività. Proprio nei giorni più importanti e sacri per milioni di italiani di fede cristiana, sulla Tv pubblica di Stato, finanziata con il canone, è andato in scena uno scimmiottamento della Natività dissacrante e di pessimo gusto. Con San Giuseppe che lamenta di essere stato operato alla prostata e pertanto incapace a procreare e con un uomo travestito da Vergine Maria, rappresentata come madre svampita che dialoga con un angelo da macchietta».

Per questo «Pro Vita & Famiglia insieme all’onorevole Giovanardi ha chiesto alla commissione parlamentare di Vigilanza Rai di prendere provvedimenti, valutare se trasmissioni di questo genere siano compatibili con le funzioni della TV pubblica e di offrire garanzie affinché in futuro non si ripetano più episodi simili, che offendono i sentimenti religiosi di un grande numero di italiani».

Gasparri contro i comici Paolantoni e Izzo in commissione Vigilanza Rai «Volgari e blasfemi sulla Natività»
Jacopo Coghe (Imagoeconomica).