Attacchi senza sosta su Gaza, aperti due corridoi umanitari

Redazione
14/10/2023

Ucciso il capo del sistema aereo della Striscia. Quasi 2 mila le vittime palestinesi. Arrestati in Cisgiordania due esponenti di spicco di Hamas. Tel Aviv bombarda postazioni di Hezbollah in Libano: morto un fotoreporter. E in Medio Oriente arrivano i F-15 statunitensi. Gli aggiornamenti.

Attacchi senza sosta su Gaza, aperti due corridoi umanitari

Durante la notte l’esercito israeliano ha condotto attacchi senza sosta su obiettivi di Hamas nella Striscia, 750 in tutto, tra cui «tunnel sotterranei, compound e postazioni militari, residenze di terroristi di primo piano utilizzati come centri di comando militare, depositi di armi e reti di comunicazione», arrivando a uccidere «numerosi operativi». Tra essi, fa sapere l’Idf, anche il capo del sistema aereo di Gaza, Merad Abu Merad, ritenuto «responsabile di aver diretto i terroristi» durante il massacro del 7 ottobre. Vittime non solo tra Hamas, ovviamente, ma anche e soprattutto tra i civili, con la costa «presa di mira dal fuoco delle navi», scrivono i media palestinesi. Dall’inizio delle ostilità i morti a Gaza per gli attacchi israeliani sono almeno 1.900, ha dichiarato il ministero della Sanità di Hamas. I corpi di alcuni israeliani rapiti sono stati recuperati dall’esercito durante la prima incursione di terra a Gaza, fanno sapere fonti dell’Idf.

Notte di attacchi su Gaza, aperti due corridoi umanitari. Ucciso il capo del sistema aereo della Striscia. Gli aggiornamenti.
Tank israeliani in azione (Getty Images).

Aperti due corridoi umanitari, finora sono 423 mila gli sfollati

Le forze armate israeliane hanno comunicato agli abitanti della Striscia di Gaza l’apertura – tra le 10 e le 16 – di due corridoi umanitari che consentiranno di spostarsi in sicurezza verso sud nell’enclave palestinese. A chi vive a Gaza City è stato consigliato di muoversi verso sud da Beit Hanoun a Khan Yunis, mentre chi risiede vicino alla costa e ad ovest di Olive potrà spostarsi lungo le strade di Daldul e Al-Sana in direzione di Salah Al-Din e Al-Bahr. Il portavoce dell’esercito israeliano, tenente Jonathan Conricus, ha accusato Hamas di impedire ai residenti nel nord di Gaza di evacuare la zona, «mandando loro messaggi o bloccandoli». Sono circa 423 mila i palestinesi che hanno lasciato le loro case, fa sapere l’Onu.

LEGGI ANCHE: Gli effetti dello scontro Hamas-Israele sullo scacchiere mediorientale e i rischi di escalation

I caccia F-15 statunitensi sono arrivati in Medio Oriente

Nell’ambito degli sforzi degli Stati Uniti «per rafforzare la propria posizione e migliorare le operazioni aeree in tutta la regione», gli aerei da combattimento F-15 Strike Eagle sono arrivati in Medio Oriente. «L’esercito americano è impegnato a garantire sicurezza e protezione durature», ha affermato il tenente generale dell’aeronautica americana Alexus G. Grynkewich.

LEGGI ANCHE: Netanyahu impallinato dalla stampa israeliana

Notte di attacchi su Gaza, aperti due corridoi umanitari. Ucciso il capo del sistema aereo della Striscia. Gli aggiornamenti.
Caccia F-15 (Ansa).

Israele ha arrestato 230 membri di Hamas in Cisgiordania

L’esercito israeliano ha arrestato oltre 230 operativi di Hamas in diverse località della Cisgiordania dall’inizio dell’operazione Spade di Ferro. Lo riferiscono i media israeliani. Tra gli arrestati, aggiunge il Jerusalem Post, ci sono anche due esponenti di spicco dell’organizzazione terroristica, Sheikh Adnan Asfour e Ahmed Awad, catturati a Nablus.

Raid in Libano, morto un video-fotoreporter della Reuters

Nei bombardamenti condotti dall’esercito israeliano su postazioni di Hezbollah in Libano, avvenuti a seguito dell’abbattimento di due velivoli non identificati su Haifa partiti dalla terra dei cedri, è rimasto ucciso Issam Abdallah, video-fotoreporter della Reuters.