Gaza, due morti in un raid israeliano

Redazione
17/10/2010

Il raid israeliano che si è abbattuto all’alba di domenica 17 ottobre, ha causato la morte di due miliziani palestinesi...

Gaza, due morti in un raid israeliano

Il raid israeliano che si è abbattuto all’alba di domenica 17 ottobre, ha causato la morte di due miliziani palestinesi appartenenti a un gruppo islamico salafita. La prima vittima è morta sul colpo, la seconda è deceduta in un ospedale cittadino. Nell’incidente, avvenuto nel rione di Sudanya (a nord di Gaza), sono rimaste ferite altre due persone. Secondo fonti militari israeliane l’attacco sarebbe servito a bloccare una cellula armata che si accingeva a sparare razzi e colpi di mortaio contro il vicino territorio israeliano. Dall’inizio del 2010, hanno precisato fonti militari, da Gaza sono stati sparati verso Israele 165 tra razzi e colpi di mortaio.
Nel corso della giornata sono anche ripartiti i negoziati indiretti tra il premier israeliano Benyamin Netanyahu e Hamas, l’organizzazione paramilitare palestinese. Scopo delle trattative è riuscire a liberare tramite uno scambio di prigionieri, il caporale israeliano Ghilad Shalit, imprigionato a Gaza dal 2006. «Noi agiamo tutto il tempo in vari modi per recuperarlo», ha detto Netanyahu alla radio militare. «La via principale è quella della trattativa, che è ripresa alcune settimane fa». La notizia delle trattative era stata lanciata da Hamas sabato 16 ottobre, confermata dalla visita a Gaza del mediatore tedesco Gerhard Konrad.