Gaza, tregua prolungata per due giorni per liberare altri 20 ostaggi

Redazione
28/11/2023

In cambio saranno rilasciati 60 detenuti palestinesi. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant: «I combattimenti saranno ancora più pesanti si svolgeranno in tutta Gaza. Non ci fermeremo finché non avremo finito».

Gaza, tregua prolungata per due giorni per liberare altri 20 ostaggi

È il 53esimo giorno di guerra: oltre 14.800 palestinesi morti, di cui 5.600 bambini, secondo Hamas. In Israele 1.200 morti nell’attacco del 7 ottobre. Altri due giorni di tregua a Gaza. Grazie alla mediazione di Qatar, Egitto e Usa, Israele e Hamas hanno raggiunto l’intesa che consente il rilascio di altri 20 ostaggi israeliani (10 per ogni giorno aggiuntivo di cessate il fuoco) in cambio di 60 detenuti palestinesi nel solito rapporto di 1 a 3. La proroga della tregua ha portato anche lo sblocco della trattativa sulla quarta tranche di ostaggi. Ma se i civili e gli sfollati di Gaza potranno contare ancora su qualche giorno di quiete, non vuol dire che la guerra non riprenderà. Il ministro della Difesa Yoav Gallant è stato chiaro: «I combattimenti saranno ancora più pesanti e si svolgeranno in tutta la Striscia di Gaza. Non ci fermeremo finché non avremo finito».

Gli 11 israeliani rilasciati ieri sono in condizioni stabili

Sono in condizioni stabili gli 11 israeliani – nove bambini e due donne – rilasciati lunedì da Hamas. Lo hanno riferito il ministero della Sanità e fonti dell’ospedale Ichlov, dove sono stati ricoverati subito dopo la liberazione. «È stata una notte emozionante e complessa allo stesso tempo», ha detto il dottor Ram Sagi, del ministero della Sanità, precisando che gli ostaggi «hanno incontrato lì le loro famiglie per la prima volta» dal 7 ottobre, e in ospedale «riceveranno cure mediche e psicologiche».

Liberi 33 detenuti palestinesi, donne e minori

In cambio degli 11 ostaggi rilasciati da Hamas, Israele ha liberato altri 33 detenuti palestinesi, donne e minori. Lo ha riferito l’Autorità carceraria israeliana, secondo cui i 33 erano detenuti in diversi penitenziari. Il più giovane  ha 14 anni. Arriva così a 150 il numero dei prigionieri palestinesi rilasciati dallo Stato ebraico, in cambio dei 51 ostaggi israeliani liberati finora.

Israele ha ricevuto la nuova lista con i nomi degli ostaggi che saranno rilasciati 

Tel Aviv ha ricevuto una nuova lista di ostaggi nella Striscia di Gaza che saranno rilasciati martedì 28 novembre, nell’ambito dell’accordo sull’estensione della tregua per altri due giorni. Lo ha riferito il Times of Israel, che cita l’ufficio del premier Benjamin Netanyahu, secondo cui i parenti degli ostaggi sono già stati informati del rilascio imminente. Il giornale sottolinea che non è chiaro quante persone verranno rilasciate, mentre altri media palano di dieci ostaggi.

Blinken visiterà Israele e Cisgiordania

Il segretario di Stato Usa Antony Blinken si recherà in Israele e Cisgiordania questa settimana dopo aver partecipato al summit della Nato in Belgio e a quello dell’Osce in Macedonia del Nord. «In Israele e in Cisgiordania Blinken discuterà del diritto di Israele a difendersi in linea con il diritto umanitario internazionale, nonché dei continui sforzi per garantire il rilascio degli ostaggi, proteggere i civili durante le operazioni israeliane a Gaza e accelerare gli aiuti umanitari», si legge in una nota del portavoce del dipartimento Usa.