Contship vende il porto di Gioia Tauro a Msc di Aponte

Contship vende il porto di Gioia Tauro a Msc di Aponte

01 Aprile 2019 13.57
Like me!

Msc di Gianluigi Aponte, secondo armatore mondiale di container, è diventata la proprietaria unica della società concessionaria del porto di Gioia Tauro. L'accordo è stato annunciato il primo aprile con una nota in cui si precisa che «Terminal Investment Ltd, società che controlla Interminaux srl, acquisirà il 50% delle azioni detenute da Contship Italia spa in Csm Italia Gate spa, la società che detiene il 100% di Medcenter Container Terminal spa che gestisce le attività container del porto di Gioia Tauro. Le due società hanno sottoscritto un accordo preliminare che consentirà a Til, che detiene già il 50%, il controllo del 100% del capitale azionario di CSM Italia Gate». Il ministro dei Trasporti Danilo Toninellli ha così commentato: «Una buona notizia per la Calabria e l'Itala intera». Prossimamente, ha poi aggiunto, si terrà un consiglio dei ministri proprio a Gioia Tauro.

VIDEO: LA PROTESTA DI UN ANNO FA

LA CREATURA DI ANGELO RAVANO CAMBIA PELLE

Si tratta di un passaggio storico per la portualità italiana: Gioia Tauro, che è stato a lungo il principale porto di transhipment del Mediterraneo, è nato a metà degli anni Novanta da un'intuizione di Angelo Ravano, fondatore di Contship, che firmò nel 1993 un accordo con lo Stato italiano per fare dello scalo calabrese un hub per i container. Hub significa un porto dove le grandi navi container scaricano le merci che poi vengono ridistribuite in porti minori attraverso navi più piccole (servizi feeder). Fino agli anni Duemila, il modello hub-feeder è stato al centro della portualità mondiale e Gioia Tauro si è imposto come uno dei porti più dinamici nel Mediterraneo.

IL TRAMONTO DEGLI HUB CONTAINER

In seguito sono succedde due cose: per ridurre i costi e i tempi le grandi navi hanno iniziato a scaricare direttamente nei porti di destinazione, senza passare dagli hub. Inoltre le società terminalistiche – cioè che gestiscono i terminal container – sempre più spesso si sono integrate con gli armatori, creando colossi che gestiscono verticalmente un pezzo significativo della logistica marittima. Questo doppio movimento ha mandato in difficoltà Gioia Tauro dove, negli ultimi anni, erano calati traffici e occupazione. Adesso, con la vendita da parte di Contship – società che rimane centrale nella logistica italiana ed è presente in diversi porti, nella logistica via ferro e via gomma – e l'acquisto del 100% da parte di Msc, si apre per Gioia Tauro una nuova era.

TONINELLI SOSTIENE CHE IL GOVERNO HA MEDIATO L'ACCORDO

Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli sostiene che sia intervenuto il governo nelle trattative: «Sono profondamente felice perché da domani questo porto può riprendere la china arrivando a movimentare, questi sono gli impegni del nuovo concessionario, quattro milioni di teu che significa stabilità occupazionale per tutti i portuali di Gioia Tauro. Abbiamo dovuto avviare una mediazione non semplice perchè le parti non si parlavano da tempo e noi non potevamo permettere che la crisi del porto si prolungasse ancora».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *