Strage in famiglia nel Palermitano: uccide moglie e due figli di 5 e 16 anni, poi si consegna ai carabinieri

Redazione
11/02/2024

Il triplice delitto è stato compiuto dal 54enne Giovanni Barreca ad Altavilla Milicia. Un’altra figlia di 17 anni è riuscita a salvarsi. L’uomo ha detto di aver percepito presenze demoniache in casa: al vaglio degli investigatori la pista della setta religiosa.

Strage in famiglia nel Palermitano: uccide moglie e due figli di 5 e 16 anni, poi si consegna ai carabinieri

Terribile triplice delitto nella notte ad Altavilla Milicia, in provincia di Palermo. Il 54enne Giovanni Barreca ha ucciso la moglie Antonella Salamone e i due figli Emanuel, di cinque anni, e Kevin di 16. Un’altra figlia di 17 anni è invece per fortuna riuscita salvarsi. Del cadavere della moglie di Barreca sono state trovate solo alcune parti, nel terreno vicino casa della coppia: la donna sarebbe stata bruciata e sepolta. Uno dei figli uccisi sarebbe stato invece torturato e strangolato con delle catene. Dopo aver sterminato la famiglia, Barreca ha chiamato i carabinieri e si è fatto trovare a Casteldaccia, sempre nella città metropolitana di Palermo e non lontano dal luogo della strage, dove è stato arrestato.

Strage in famiglia in provincia di Palermo: Giovanni Barreca uccide moglie e due figli di 5 e 16 anni, poi si consegna ai carabinieri.
Giovanni Barreca e Antonella Salamone (Facebook).

La scena del delitto viene definita «particolarmente cruenta» dagli inquirenti

I militari del reparto operativo stanno ricostruendo quanto accaduto. Sul posto ci sono anche i Ris: la scena del delitto viene definita dagli inquirenti «particolarmente cruenta». Da quanto emerso Barreca durante la notte si sarebbe svegliato farneticando di aver percepito presenze demoniache in casa. La figlia sopravvissuta si è alzata dal letto dopo aver sentito dei rumori, ed è riuscita a fuggire dopo aver visto i corpi senza vita dei fratelli. Secondo i rilievi del medico legale, il triplice delitto sarebbe avvenuto almeno 36 ore prima della telefonata ai carabinieri.

Sentiti due coniugi che da tempo frequentavano la famiglia di Barreca

Una coppia di coniugi, che da tempo frequentava la famiglia di Barreca, è stata sentita dagli investigatori nell’ambito dell’inchiesta sulla strage familiare. I due sono descritti come fanatici religiosi, proprio come l’uomo che ha ucciso la moglie e due figli: si fa largo l’ipotesi che Barreca possa aver agito per adesione a una setta o a un gruppo di fanatismo religioso. Nei suoi post sui social, tra l’altro, ha spesso citato Roberto Amatulli, parrucchiere barese auto proclamatosi pastore evangelico, guaritore ed esorcista.