Al Giro sfreccia Carapaz: Dumoulin cade ed è a rischio

Succede di tutto nella quarta frazione con arrivo a Frascati. L'ecuadoriano si prende il successo con uno scatto nel finale, ma una caduta  scuote la generale. L'olandese a quattro minuti, Nibali perde 18 secondi.

14 Maggio 2019 17.27
Like me!

Solo 24 ore fa il veleno e la suspense, con l'annullamento dello sprint vincente di Viviani e la relativa assegnazione della vittoria a Gaviria, oggi il sale nella coda di una tappa che poteva e doveva essere di "trasferimento". Fra l'Argentario e i Castelli Romani, da Orbetello a Frascati, era previsto un volatone in leggera salita, dopo la solita fuga da lontano (Frapporti, Maestri e Cima: vantaggio massimo 12'20", prima di essere ripresi a una decina di chilometri dall'arrivo).

DOPPIA RIVOLUZIONE PER SPRINT E GENERALE

Invece, in un finale caratterizzato da una pioggerella autunnale, con il manto stradale insidiosissimo, accade di tutto. Anzi, di più. Salvatore Puccio, quando mancano circa 6 km all'arrivo, si distrae per un attimo e innesca una caduta che provoca un terremoto. Un mammasantissima, Tom Dumoulin, finisce sull'asfalto, altri perdono secondi preziosi. Non solo sprinter tagliati fuori, ma anche gente che ambisce alla maglia rosa di Verona. Due rivoluzioni al 102esimo Giro d'Italia: una nella corsa allo sprint, una nella lotta per la classifica generale dal momento che, nel gruppetto in vetta alla corsa, si ritrova quasi per caso Primoz Roglic, la maglia rosa, e dietro tutti a inseguire: da Simon Yates a Nibali, da Lopez allo spagnolo Landa, che è il più attardato.

DUMOULIN AL TRAGUARDO CON UN VISTOSO TAGLIO

Il conto lo paga Dumoulin, che giunge sul traguardo a 4'04" e con un vistoso taglio sul ginocchio sinistro, da dove esce copioso il sangue. L'olandese ha tante ammaccature e molta voglia di fermarsi. Deciderà domani. A Frascati, oltre a Roglic, fa festa pure Richard Carapaz, che scatta negli ultimi metri, sorprende Diego Ulissi e resiste al tentativo di rimonta di Caleb Ewan, uno dei pochi velocisti rimasti in lizza (poco prima anche Elia Viviani aveva perso contatto con i battistrada), vincendo a braccia alzate. Il ritardo di Nibali è di 18", con lui anche Bob Jungels, Simon Yates, il fido Damiano Caruso, ma non Domenico Pozzovivo, anche lui a terra e con un polso gonfio da valutare, come usano dire i medici delle squadre di calcio.

PER L'OLANDESE IL GIRO SEMBRA GIÀ AL CAPOLINEA

La strada ridisegna una corsa a eliminazione, come si conviene a un grande giro che si snoda nell'arco di tre settimane e riserva trappole, insidie, pericoli di ogni genere. Dumoulin, così come era avvenuto a Bologna nella crono iniziale, subisce un altro clamoroso ko. Questa volta più fragoroso e non senza conseguenze. Perché, anche se dovesse ripartire, proseguendo la propria avventura sulle strade italiane, non sarà facile portarsi addosso un fardello di oltre 4' di ritardo da Roglic. È vero che l'olandese vola a cronometro, ma Roglic non è tipo da accusare grandi ritardi nelle sfide contro il tempo. E poi, non ultimo, c'è l'aspetto psicologico da tenere in conto: Dumoulin è apparso con il morale sotto i tacchi e poca voglia battagliare. Qualcosa di simile accadde ai piedi della salita per il Blockhaus a Geraint Thomas e Mikel Landa nel Giro 2017. Il britannico sembrava avere le carte in regola per trionfare a Milano, invece dopo qualche giorno alzò bandiera bianca, dopo la caduta. Cattivi presagi anche per Dumoulin.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *