La quindicesima tappa del Giro d’Italia da Ivrea a Como

Percorso durissimo di 232 km che ricorda molto il "Lombardia". Arrivo previsto intorno alle 17 e 15 in Lungo Lario Trento.

26 Maggio 2019 05.30
Like me!

Come un 'Lombardia'. La 15esima tappa del 102esimo Giro d'Italia di ciclismo, in programma domenica 26 maggio da Ivrea a Como, su un tracciato lungo 232 chilometri, precede il secondo e ultimo giorno di riposo. È un'altra tappa infernale, che chiude tre giorni intensissimi. I corridori attraverseranno Cantù ed Erba e, dopo 160 km completamente piatti, arriveranno a Pusiano e Asso per affrontare la discesa su Onno e il lungolago fino a Bellagio, dove inizierà la salita per il Ghisallo. Si tratta di un'ascesa che parte al km 165,1, è lunga 8,550 km con pendenze medie del 5,6%, massime del 14% e un dislivello di 482 metri. Il Gran premio della montagna, dopo 173,7 km, è di seconda categoria, a 754 metri d'altezza. Praticamente un muro. La successiva discesa molto veloce arriverà a Maglio da dove comincerà la salita della Colma di Sormano, un 'muro' posto al km 180, lungo 9,550 km, con una pendenza media del 6,6%, massima del 12.

LEGGI ANCHE: La guida completa al Giro d’Italia 2019

Il secondo Gran premio della montagna sempre di seconda categoria è al km 189,6, a 1.124 metri d'altezza. La discesa che seguirà è in falsopiano nella prima parte, poi diventa impegnativa su Nesso, dove la corsa riprende la strada che porta a Como. Infine, i corridori affronteranno la dura salita verso Civiglio, a partire dal km 219,1, che è lunga 4,150 km, presenta pendenze medie del 9,6%, massima del 14, un dislivello di 405 metri: proprio in vetta la carreggiata si restringerà, prima dell'inizio della discesa verso Como. L'ultimo Gran premio della montagna è di terza categoria, è situato a 613 metri d'altezza e arriverà dopo 223,3 km di corsa. I traguardi volanti si troveranno a Busto Arsizio, dopo 93,3 km, e a Cantù, dopo 127,3 km. Verranno interessate le province di Torino, Biella, Vercelli, Novara, Varese, Milano, Lecco e Como. La corsa scatterà da piazza Rondolino, a Ivrea, alle 11,15; l'arrivo è previsto a Como intorno alle 17,15, in Lungo Lario Trento. Ivrea è all'esordio come città di partenza di una tappa del Giro d'Italia, che si è concluso invece a Como nel 1937 (vittoria di Cimatti), nel 1952 (Pasotti e Coppi), 1957 (Fantini e Van Steenbergen) e 1987 (Rosola).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *