La quattordicesima tappa del Giro d'Italia 2019 da Saint-Vincent a Courmayeur

La quattordicesima tappa del Giro d’Italia 2019 da Saint-Vincent a Courmayeur

Carapaz vince sulle cime della Val d'Aosta e conquista la maglia rosa nel primo vero tappone di questa edizione. Cinque gran premi della montagna concentrati in 131 km. Il percorso e l'altimetria.

25 Maggio 2019 05.07

Like me!

Il 102esimo Giro d'Italia continua a scalare le Alpi: la quattordicesima tappa, da Saint-Vincent a Courmayeur (Skyway Monte Bianco), su un percorso lungo 131 chilometri, porterà i corridori sulle vette della Valle d'Aosta. È la versione moderna del tappone alpino, molto corto e assai intenso: solo 14 km saranno pianeggianti. Un vero inferno, fra salita e discesa.

CARAPAZ NUOVA MAGLIA ROSA

A vincere è stato Richard Carapaz, che ha conquistato così la nuova maglia rosa. L'ecuadoriano della Movistar ha staccato tutti e ha tagliato il traguardo da solo. Ha preceduto di 1'31" il britannico Simon Yates, che nel finale è riuscito a guadagnare qualcosa sui rivali. Terzo Vincenzo Nibali, che si è aggiudicato anche l'abbuono di 4", in ritardo di 1'53". Carapaz è il primo ecuadoriano a indossare la maglia rosa al Giro d'Italia. Adesso ha un vantaggio di 7" sullo sloveno Primoz Roglic, secondo, e di 1'47" su Vincenzo Nibali, terzo. Al quarto posto c'è il polacco Rafal Majka, a 2'10", quinto lo spagnolo Mikel Landa, a 2'50". L'ex maglia rosa Jan Polanc, staccato di 7'40", adesso è settimo con un ritardo di 3'29".

CINQUE GRAN PREMI DELLA MONTAGNA

Cinque in tutto i Gran premi della montagna: il primo dopo 13,8 km, a Verrayes, a quota 1.017 metri (2/a Categoria). Si tratta di una salita lunga 6.750 metri, con pendenze fra l'8,3% e il 7,5%, un dislivello di 537 metri.

Il secondo Gran premio della montagna sarà a sul Verrogne, dopo 51,5 km di corsa, a quota 1.582 (1/a Categoria): è una salita lunga 13,8 km, con una pendenza media del 7,1%, massima dell'8,2 e un dislivello di 980 metri. Terzo Gran premio della montagna sul Truc d'Arbe, dopo 75,9 km, a quota 1.256 (2/a Categoria): salita lunga 8,2 km, che partirà da Villeneuve, presenta una pendenza media del 7%, massima dell'8,6 e un dislivello di 577 metri.

La corsa successivamente raggiungere Morgex, quindi scalerà il Colle San Carlo, a quota 1.951 metri (1/a Categoria), dopo 106,1 km di percorso: si tratta di una salita lunga 10,5 km, con una pendenza media del 9,8%, massima del 10,3% e un dislivello di 1.031 metri. Seguirà una discesa verso La Thuile e Pré-Saint-Didier, quindi l'ultima risalita verso Courmayer, a quota 1.293: i corridori dovranno affrontare un tratto lungo 8 km, con pendenze medie del 3,2%, massime del 6 e un dislivello di 257 metri.

LA PARTENZA ALLE 13.10

Il via da Saint-Vincent verrà dato alle 13,10, in piazza del Mercato, l'arrivo programmato fra le 17,15 e le 17,30 a Courmayeur sulla Statale 26. Una tappa del Giro d'Italia è partita da Saint-Vincent in 13 occasioni: 1952, 1957, 1958, 1960, 1962, 1963, 1968, 1970, 1973, 1978, 1985, 1992 e 2015. Si è conclusa a Courmayeur, invece, nel 1937 (vittoria di Cimatti), 1952 (Pasotti e Coppi), 1957 (Fantini e Van Steenbergen), 1987 (Rosola).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *