Per l’Istat l’economia italiana resta debole, migliora il potere di acquisto

Il PIl dell'Area euro rallenta nel secondo trimestre. E la congiuntura delude le attese sia nei Paesi avanzati che in quelli emergenti. Segnali positivi per il nostro Paese sul fronte dei posti di lavoro. In Germania male gli ordinativi dell'industria.

05 Luglio 2019 11.28
Like me!

L’economia italiana resta debole, anche si registrano miglioramenti sul fronte dell’occupazione e del potere di acquisto. Questa è in sintesi l’analisi dell‘Istat sulla congiuntura economica del Paese. «L’indicatore anticipatore conferma uno scenario a breve termine caratterizzato dalla debolezza dei livelli produttivi», ha rilevato, infatti, l’Istat nella nota mensile relativa a giugno. Se l’economia italiana appare, ribadisce l’Istituto, «caratterizzata dal proseguimento della fase di debolezza dei ritmi produttivi», tuttavia a questa dinamica si associano «miglioramenti sul mercato del lavoro e del potere d’acquisto delle famiglie».

DEBOLI SIA LE ECONOMIE EMERGENTI CHE QUELLE AVANZATE, GIÙ L’EUROZONA

A livello internazionale la crescita rallenta e delude le attese a livello globale: «I segnali di ripresa dell’economia internazionale appaiono episodici e nel complesso i dati hanno segnalato tendenze meno positive rispetto alle attese, sia nei paesi emergenti sia in quelli avanzati», si legge nel comunicato mensile. Inoltre, puntualizzano gli esperti dell’Istat, «Le previsioni per l’area dell’euro indicano un possibile rallentamento nel secondo trimestre». L’istituto ricorda che secondo le previsioni elaborate da Ifo, Kof e lo stesso Istat nell’Eurozone Economic Outlook, «il Pil dell’area dell’euro è atteso rallentare nel secondo trimestre».

IN GERMANIA ORDINATIVI INDUSTRIA A -2,2%

Intanto a conferma delle difficoltà economiche dell’Area euro, in Germania è stato registrato anche a maggio un netto calo degli ordinativi dell’industria in discesa del 2,2%. Il dato è decisamente inferiore alle aspettative degli economisti che prevedevano una riduzione dello 0,2% .

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *