L’audio di Giulia Cecchettin: «Vorrei che Filippo sparisse dalla mia vita»

Redazione
23/11/2023

«Vorrei non avere più contatti con lui, ma non so come farlo perché mi sento in colpa, perché ho troppa paura che possa farsi male in qualche modo», diceva in un messaggio alle amiche la 22enne poi uccisa dall’ex fidanzato.

L’audio di Giulia Cecchettin: «Vorrei che Filippo sparisse dalla mia vita»

«Mi sento in una situazione in cui vorrei che sparisse, vorrei non avere più contatti con lui». Lo diceva Giulia Cecchettin in un audio inviato alle amiche riferendosi all’ex fidanzato Filippo Turetta, aggiungendo però: «Non so come farlo perché mi sento in colpa, perché ho troppa paura che possa farsi male in qualche modo». La registrazione, ottenuta da Chi l’ha visto?, è stata poi trasmessa il 22 novembre durante il Tg1 della sera.

LEGGI ANCHE: Oggi è Giulia Cecchettin, ieri Giulia Tramontano: con le solite ricette e le promesse non si cambia

«Mi dice che pensa solo ad ammazzarsi, che vorrebbe morire»

Nell’audio Giulia diceva poi l’altro: «Lui mi viene a dire cose del tipo che è superdepresso, che ha smesso di mangiare, che passa le giornate a guardare il soffitto, che pensa solo ad ammazzarsi, che vorrebbe morire». Una sorta di ricatto, evidenziava la povera Giulia, messo in atto da Turetta. «E allo stesso tempo mi viene a dire che l’unica luce che vede nelle sue giornate sono le uscite con me o i momenti in cui io gli scrivo. E quindi questa cosa con il fatto che io vorrei non vederlo più perché comincio a non sopportarlo più, mi pesa».

Il messaggio audio inviato da Giulia Cecchettin alle amiche: «Vorrei che Filippo Turetta sparisse dalla mia vita».
Filippo Turetta (Ansa).

Turetta ha raccontato di aver pensato «più volte di farla finita»

Filippo Turetta si trova ancora in Germania, chiuso nel carcere di Halle. Il Tribunale regionale superiore di Naumburg ha dato il via libera alla sua estradizione in Italia. Il giovane ha raccontato ai poliziotti di aver ucciso la sua ragazza e di aver pensato «più volte di farla finita», ma «di non aver avuto coraggio».

LEGGI ANCHE: Giulia Cecchettin, la leghista Matone: «I maschi disturbati non hanno mai mamme normali»