Il governo al lavoro su una nuova Cassa del Mezzogiorno

All'incontro con le parti sociali a Palazzo Chigi, il ministro Tria ha rivelato il piano di creazione di una banca specifica per erogare credito alle imprese del Sud. Landini: «Il primo passo è il no all'Autonomia».

29 Luglio 2019 19.11
Like me!

«Stiamo lavorando ad una banca specifica per il Mezzogiorno, per erogare il credito alle imprese del Sud. Ma ci vuole tempo. La questione dello sviluppo del Sud è un tema molto complesso. Occorre una programmazione seria», avrebbe detto, secondo quanto viene riferito da fonti sindacali, il ministro dell’Economia Giovanni Tria nel corso dell’incontro a Palazzo Chigi con le parti sociali sul Sud, in vista della prossima manovra.

LANDINI: «PER IL PIANO SUD NO ALL’AUTONOMIA»

«Al premier Giuseppe Conte abbiamo detto innanzitutto che la prima cosa da fare per parlare di piano per il Sud è che bisogna bloccare il progetto di Autonomia differenziata. Questo è un Paese già diviso», ha detto il segretario della Cgil Maurizio Landini al termine dell’incontro tra governo e parti sociali a Palazzo Chigi. «Noi non abbiamo alcun problema con autonomia ma non ha senso se vuol dire allargare ancora di più le divisioni del Paese», aggiunge.

BARBAGALLO: «CASSA DEL MEZZOGIORNO 4.0»

Bisogna «rilanciare il Sud per rilanciare l’economia del Paese», ha detto al termine dell’incontro il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, spiegando che il sindacato ha illustrato la necessità di «ricostruire una sorta di “Cassa del Mezzogiorno 4.0“, attraverso Cdp, per avere uno strumento che non sia, come è stata la cassa, corruttivo ma permetta di monitorare la capacità di fare gli interventi necessari», per promuovere «infrastrutture materiali e immateriali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *