Grecia, evasione fiscale record sulle isole

Redazione
22/08/2012

Il risanamento delle casse greche passa anche dalla lotta all’evasione fiscale.  Lo ha promesso il premier Samaras, ma migliorare la...

Grecia, evasione fiscale record sulle isole

Il risanamento delle casse greche passa anche dalla lotta all’evasione fiscale. 
Lo ha promesso il premier Samaras, ma migliorare la situazione attuale non sarà facile. 
La Guardia di Finanza ellenica (Sdoe) ha portato a termine una serie di ispezioni condotte dal 6 luglio al 19 agosto in varie località e la fotografia del Paese non è stata rassicurante. 
55,7% NON PAGA LE TASSE. Durante i controlli sono state ispezionate 4.067 attività commerciali ed è stato riscontrato che il 55,7% di esse operava in violazione della normativa fiscale.
Gli ispettori dello Sdoe hanno firmato in tutto 2.266 contravvenzioni tra cui la più diffusa è stata la mancata emissione della ricevuta fiscale.
ISOLE NEL MIRINO. Nel corso di altri 2,864 controlli effettuati nello stesso periodo, lo Sdoe ha riscontrato che poco meno del 53% degli esercizi commerciali ispezionati aveva evaso le tasse.
Di questi, il maggior numero di evasori totali sono stati pizzicati sulle isole di Naxos (73.9%), Santorini (68.4%), Myconos (64.5%) e Paros e Antiparos (63.7%).

A Zante e Creta si raggiunge il 100% di evasione

Che i commercianti delle isole greche siano incorreggibili è stato dimostrato dal raffronto fra i dati del controllo con quelli emersi da un’ispezione effettuata nelle settimane immediatamente precedenti nelle stesse località e diffusi dal ministero delle Finanze.
Nel corso di quei controlli venne accertato che quasi sei esercizi commerciali su 10 (il 57%) avevano evaso le tasse.
A ZANTE NESSUNO SCONTRINO. Tassi di evasione fino a 100% sono stati registrati in varie località turistiche sulle isole di Zante (Zacinto) e Lefkada, a Rethymno (Creta) e a Kastoria. Anche in altre località di Creta sono stati registrati livelli molto elevati di evasione fiscale che hanno raggiunto l’87% a Chania e il 78% ad Iraklio, seguite dalle isole di Santorini (83%), Corfù (75%), Naxos (73%) e Mykonos (68,5%).
42 MLD DI EURO NON RECUPERATI. In Grecia, a fronte di un totale di evasione fiscale valutato intorno ai 42 miliardi di euro, solo circa 5 mila contribuenti dichiarano un reddito superiore ai 100 mila euro all’anno.
Tra i piccoli evasori c’è pure un 43% dei pensionati greci che svolge un’attività lavorativa sul cui compenso non paga le tasse. 
ENTRATE CONTINUANO A DIMINUIRE. È dal 2009 che il governo di Atene ha dichiarato guerra all’evasione fiscale ma, nonostante il forte rialzo delle aliquote dell’Iva, le entrate fiscali continuano a diminuire in seguito al persistere della recessione arrivata ormai al quinto anno consecutivo.