Guerriglia urbana nel centro di Roma

Redazione
14/12/2010

Il salotto di Roma è sotto assedio e le vie dello shopping svuotate. Al posto di turisti e passanti, scene...

Guerriglia urbana nel centro di Roma

Il salotto di Roma è sotto assedio e le vie dello shopping svuotate. Al posto di turisti e passanti, scene di guerriglia urbana. Scontri, cariche, assalti a blindati, barricate, vetrine rotte, Bancomat sfondati, cassonetti e auto a fuoco, lancio di oggetti e pietre tra via del Corso e Piazza del Popolo.
Dopo le proteste iniziate già nella mattinata del 14 nei pressi di Montecitorio, i black block hanno preso letteralmente d’assalto via del Corso e hanno creato una barricata per fronteggiare le forze dell’ordine. Fioriere, sedie, tavolini dei bar di lusso del centro. Ma anche biciclette e un piccolo mezzo elettrico dell’Ama sono state incendiate mentre dall’altra parte i blindati della polizia cercavano di opporre resistenza. Un blindato della Guardia di Finanza è stato dato al fuoco in via del Babbuino.
Scontri e barricate si sono registrati verso piazzale Falminio. Mentre alcuni manifestanti si sono asserragliati a Villa Borghese.
Tutti i negozi di via del Corso sono stati chiusi e alcuni negozianti, impauriti, si sono barricati all’interno. Secondo fonti dell’Arma sono diversi i carabinieri rimasti feriti negli scontri, mentre molti manifestanti sono stati fermati dalla polizia all’altezza di Largo Chigi dopo gli scontri e le cariche avvenuti dopo l’assalto alle camionette della Finanza.
Le forze dell’ordine sono riuscite a sfondare la barricata dei manifestanti a piazza del Popolo e hanno respinto indietro gli studenti in  mezzo a una densissima cortina di fumo dovuta ai petardi, ai lacrimogeni e alle bombe carta.
Gruppi di giovani con in mano pali stradali, mazze e pietre hanno danneggiato e distrutto vetrine e automobili. Testimoni hanno raccontato di ragazzi picchiati dai poliziotti con i manganelli. Almeno una decina i giovani fermati.
Circa una quarantina di persone sono rimaste ferite, alcune anche seriamente, negli scontri. Tutti sono stati medicati sul posto da personale del 118. Per ora nessuno è stato portato in ospedale anche perché le ambulanze erano in difficoltà a raggiungere gli ospedali del centro.