Redazione

Che cosa sono le leggi razziali

Che cosa sono le leggi razziali

Quando si parla di leggi razziali, in genere lo si fa in riferimento ad un periodo storico ben preciso, che è quello che coincide con il diffondersi delle dittature nazista e fascista. In linea di massima, le leggi razziali sono quelle che si basano su un principio di discriminazione, l…

23 Ottobre 2013 08.11

Like me!

Quando si parla di leggi razziali, in genere lo si fa in riferimento ad un periodo storico ben preciso, che è quello che coincide con il diffondersi delle dittature nazista e fascista. In linea di massima, le leggi razziali sono quelle che si basano su un principio di discriminazione, legato semplicemente al fatto di appartenere a razze diverse.

Nel caso specifico, quindi, si parla delle leggi emanate in Italia tra il 1938 e i primi anni ’40, e che erano rivolte principalmente contro la popolazione ebraica. Lo stesso si dice per quelle emanate tra il 1933 e il 1942 in Germania, che condussero alle tragiche vicende della Seconda Guerra Mondiale. In queste leggi si affermava, in sostanza, la superiorità della cosiddetta “razza ariana” su quella ebraica. Gli ebrei venivano così privati di ogni diritto economico, sociale, legislativo, fino ad essere privati della dignità stessa di esseri umani.

Altri esempi di leggi razziali in tempi più contemporanei sono quelle relative all’apartheid in Sud Africa e America, ovvero volte a discriminare le persone di colore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *