Serena Chiarion

Che differenza c'è tra anguria e cocomero?

Che differenza c’è tra anguria e cocomero?

Spesso ci si chiede se il succoso frutto estivo abbia due nomi oppure due origini differenti

10 Ottobre 2017 07.15

Like me!

L'estate è la stagione in cui maturano i frutti più dolci e succosi dell'anno e recarsi a fare la spesa diventa un piacere per scegliere cosa comprare per affrontare la calura e il calo di energie. Tra i prodotti più gradevoli da mangiare in estate, il cocomero è, sicuramente, il numero uno, sia per il sapore, sia per le proprietà vitaminiche in esso contenute. Ma esiste una differenza tra il cocomero e l'anguria che troviamo sui banchi dei reparti di ortofrutta?

Il cocomero

Il cocomero (in latino cucumus citrullus) è un frutto estivo che matura da fine maggio a settembre, ricco di acqua, sali minerali e potassio; la pianta è originaria dell'Africa tropicale e appartiene alla famiglia delle cucurbitacee di cui fanno parte anche la zucca, le zucchine, il melone e il cetriolo).

Il cocomero si trova in vendita anche con il nome di anguria.

C'è differenza tra anguria e cocomero?

Il cocomero e l'anguria, dal punto di vista biologico, sono la stessa identica cosa: vengono utilizzati due nomi diversi in base alla zone dove viene consumato questo frutto: al Nord si tende ad utlizzare il termine anguria, al sud e al centro cocomero; in alcune zone viene chiamato anche cetriolo.

Il termine anguria, secondo l'Accademia della Crusca, deriva dalla modifica veneziana del termine angourion (cetriolo); dal punto di vista lessicale, il termine corretto resta cocomero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *