Come si festeggia la Pasqua ebraica

La Pasqua ebraica è chiamata Pesach o Pesah: dura 7 giorni in Israele e 8 in tutte le altre parti del mondo. La festa ricorda la liberazione del popolo d'Israele dall'Egitto e l'esodo verso la terra promessa. Originariamente era la festa che segnava l'inizio della primavera ed è stata r...

22 Febbraio 2016 09.44
Like me!

La Pasqua ebraica è chiamata Pesach o Pesah: dura 7 giorni in Israele e 8 in tutte le altre parti del mondo. La festa ricorda la liberazione del popolo d’Israele dall’Egitto e l’esodo verso la terra promessa. Originariamente era la festa che segnava l‘inizio della primavera ed è stata rivisitata a causa degli eventi descritti nell’Esodo. Al di fuori di Israele i primi due giorni degli otto pasquali e gli ultimi due sono di festa.

Sono chiamati i giorni degli azzimi perché i due principali comandamenti della Pasqua ebraica sono non cibarsi di qualunque cibo contenente lievito e quindi cibarsi matzah (pane non lievitato). Il terzo, poi andato in disuso, era offrire in sacrificio un agnello la sera del quattordicesimo giorno del mese Nisan (la Pasqua ebraica vera e propria cade nella notte tra il 14 e il 15) e cibarsene quella stessa notte. I comandamenti regolano i cibi che vengono serviti nella cena celebrativa (seder) le prime due sere della festa. L’uso del pane azzimo deriva dal fatto che, durante l’esodo, gli ebrei non ebbero il tempo di preparare pane lievitato e quindi usarono quello azzimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *