Redazione

Come sterilizzare i biberon

Il biberon è uno degli accessori più utilizzati dal bebè, per questo necessita di un’igiene particolarmente attenta. Per evitare il contatto con germi e batteri l’ideale sarebbe di preparare il latte nel biberon al momento della poppata (e non prima). E’ importante sapere, però, che una…

22 Settembre 2013 05.50

Like me!

Il biberon è uno degli accessori più utilizzati dal bebè, per questo necessita di un’igiene particolarmente attenta. Per evitare il contatto con germi e batteri l’ideale sarebbe di preparare il latte nel biberon al momento della poppata (e non prima). E’ importante sapere, però, che una presenza “normale” di germi sul biberon non è dannosa per il bambino, perché lo aiuta a sviluppare le indispensabili difese immunitarie personali.

Si consiglia, quindi, di procedere alla sterilizzazione di biberon e tettarelle senza farsi prendere dalla fobia. Se si allatta artificialmente, la sterilizzazione è necessaria almeno per i primi sei mesi, in seguito potrebbe bastare anche un lavaggio accurato. Dopo ogni poppata si devono pulire tettarelle, biberon e tutto ciò che si è utilizzato per i pasti del piccolo.

La sterilizzazione può essere effettuata sia a caldo che a freddo. La prima utilizza il potere disinfettante dell’acqua bollente e del vapore che si sprigiona. Come facevano le nostre nonne, si mettono gli oggetti in un contenitore chiuso o in una pentola con il coperchio e si lasciano bollire sul fornello per circa venti minuti. Dopo si prendono gli oggetti e si lasciano sgocciolare, evitando di toccarli spesso con le mani. Il metodo a freddo si basa sull’utilizzo di specifici detergenti disinfettanti o compresse effervescenti che non contengono sostanze tossiche o dannose per il bambino.

Questi disinfettanti vanno sciolti in acqua fredda, nel contenitore in cui si immergono gli oggetti da sterilizzare. A seconda del prodotto, gli oggetti possono restare a bagno dai 30 ai 90 minuti. Questo metodo è di sicuro più pratico e veloce, e può essere comodamente utilizzato anche quando si è fuori casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *