Simona Anelli

Cosa genera il razzismo

Cosa genera il razzismo

Aprire la mente e accettare la diversità. Le speranze per un futuro migliore.

04 Maggio 2017 07.48

Like me!

Il fenomeno del razzismo è nato e cresciuto con l’uomo; infatti, nel corso della storia, gli uomini hanno sempre cercato di imporsi sugli altri, e lo fanno tuttora verso immigrati, omosessuali e così via.

Solitamente si è intolleranti verso chi è diverso da noi per cultura, colore della pelle, religione, paese, credenze, ideali, mentalità, ideologie politiche, usi e costumi.

In pratica, si è intolleranti contro quel qualcuno che è diverso dall’altro, il quale a sua volta pensa di essergli superiore. Non a caso, spesso una presupposta superiorità della propria razza è stata utilizzata come pretesto per il perseguimento di interessi economici e politici.

Ma qual è il motivo che spinge l’uomo a discriminare un suo simile?

Molto probabilmente, alla base di questi atti di intolleranza, discriminazione e razzismo si nascondono dei problemi di natura psicologica, che hanno a che vedere con la paura, la paura del diverso appunto, e con l’ignoranza, perché è importante conoscere ciò che la storia ci ha insegnato, capire fino in fondo gli sbagli che l’uomo ha commesso e, contemporaneamente, imparare da questi errori, poiché il razzismo genera solo odio e l’uomo non ha avuto il dono della vita per lottare e combattere contro altri uomini.

La diversità, se si accetta, è un bene perché, fuori da noi stessi, c’è un mondo da scoprire.

E soprattutto, è importante che almeno le nuove generazioni possano crescere con conoscenze utili a formare una cultura e una mente più aperta e tollerante. La speranza di un futuro migliore, di una società aperta deve vincere contro chi istiga alla paura e alla violenza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *