Giorgia Zatta

Perdite ematiche cosa sono

Perdite ematiche cosa sono

Cause e informazioni utili su cosa sono le perdite ematiche vaginali

08 Gennaio 2019 08.13

Like me!

Nell’intervallo di tempo tra un ciclo mestruale e l’altro alcune donne possono notare alcune perdite di sangue vaginali: queste sono chiamate perdite ematiche o spotting.

Perdite ematiche tra cicli mestruali

Le perdite si possono avere all’inizio del ciclo mestruale ovvero durante l’ovulazione o alla fine del ciclo. Tra le cause più comuni dello spotting (dall’inglese ‘to spot’, macchiarsi) c’è l’ectoprion, una piaghetta all’interno del collo dell’utero che può alterarsi con i rapporti sessuali.

Cause più gravi possono essere patologie endometriali come polipi o fibromi. È comunque consigliato, in caso di perdite ematiche, far riferimento ad uno specialista.

Leggi anche: Prolattina alta cosa comporta 

Perdite ematiche in gravidanza

Un discorso a parte va fatto se si notano perdite vaginali in gravidanza. Circa il 25% delle donne in gravidanza riscontra questo problema. Le macchie possono variare per quantità e colore: dal rosa chiaro quando sono di lieve entità e si mescolano al muco vaginale, al marrone scuro quando l’emissione è lenta e il sangue permane nel canale vaginale, al rosso acceso se la perdita è recente e di maggior quantità.

Anche in questo caso il consiglio è di rivolgersi subito ad un ginecologo. Le cause di questo sanguinamento possono essere di diversa origine: infezioni urinarie, polipi, placenta previa, distacco della placenta, aborto, gravidanza extra-uterina. 

Se le perdite si hanno proprio all’inizio della gravidanza si parla di perdite da impianto, ossia nel momento in cui l’ovulo si assesta nell’utero dai 7 ai 12 giorni dopo la fecondazione.

Leggi anche: Ovaio policistico cause e conseguenze 

Perdite ematiche in menopausa

Nel periodo in cui una donna entra in menopausa è normale che si notino delle perdite ematiche di colore scuro, definite come spotting da menopausa.

Tali perdite possono comparire fino un anno dopo l’ultimo ciclo. Tra le cause principali di queste perdite c’è l’atrofia vulvo-vaginale che comporta secchezza vaginale e dolore durante i rapporti. 

Leggi anche:  Quali sono i primi sintomi della menopausa 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *