Andrea Arivetti

Quali banche fanno parte del gruppo Bpm

Quali banche fanno parte del gruppo Bpm

L'ekenco delle banche facenti parte di questo importantissimo gruppo

30 Agosto 2017 06.18

Like me!

Banco Bpm nasce, di fatto, dalla fusione fra Banco Popolare e Banca Popolare di MIlano ed è operativo dal primo gennaio de 2017.

Il gruppo Bpm è, inoltre, il terzo gruppo bancario per importanza ed è quotato sul Mercato Telematico Azionario, gestito dalla Borsa Italiana S.p,a. Il banco Bpm ha sede legale a Milano e sede amministrativa a Verona.

La rete commerciale è diffusa, in modo capillare, in tutta Italia. Ma quali banche fanno parte del gruppo Bpm?

Innanzitutto, gli sportelli dell'ex Banco Popolare e della nuova Banca Popolare di MIlano Spa sono, oltre, 2.400 in tutta Italia. Le altre banche da cui è formata la rete commerciale del gruppo sono le seguenti: Banca Popolare di Verona, Banca Popolare di Novara. Banca Popolare di Lodi, Credito Bergamasco, Banco San Geminiano e San Prospero, Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno, Banca Popolare di Cremona, Banca Popolare di Crema, Banco di Chiavari e della Riviera Ligure, Banco San Marco, Banca Popolare del Trentino, Cassa di Risparmio di Imola e Banco Popolare Sicliano.

Bpm ha, inoltre, gli istituti di investimento Banca Akros e Banca Aletti, le società di gestione del risparmio Aletti Gestielle SGR, le società di credito al consumo ProFamily e la società di gestione servizi SGS BP S.C.p.A.

Bpm vanta, inoltre, una struttura solidissima e ha una presenza capillare in tutta Italia. Le filiali italiane sono oltre 2.400 e i suoi dipendenti raggiungono l'altissima quota di 25.000.

Il totale dei clienti in Italia supera i 4 milioni. Inoltre, il sodalizio Bpm offre, ai clienti, una vasta offerta di prodotti per imprese e privati. L'offerta di conti, mutui e finanziamenti del gruppo comprende soluzioni particolari e ad hoc: indirizzata a famiglie, giovani, pensionati, PMI, ecc.

Si sottolinea, anche, come già scritto, come il gruppo Bpm sia quotato alla Borsa di Milano, dove ha debuttato il 2 gennaio del 2017 (indice FTSE MIB). Insomma, esso è solidissimo ed è altamente consigliato, per privati e aziende, per la gestione dei propri risparmi e dei vari investimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *