Hamas diffonde video con tre ostaggi: «Netanyahu, paghiamo il tuo fallimento»

Redazione
30/10/2023

Le donne prigioniere chiedono la liberazione immediata e criticano duramente il premier israeliano: «Non sono morti abbastanza cittadini israeliani? Liberaci adesso». Il premier ha definito il video «crudele propaganda psicologica», aggiungendo di stare lavorando alla liberazione dei detenuti. Convocata in serata una conferenza stampa con i media stranieri al ministero della Difesa a Tel Aviv.

Hamas diffonde video con tre ostaggi: «Netanyahu, paghiamo il tuo fallimento»

Hamas ha diffuso sui propri canali social un nuovo video con tre donne ostaggio. Nel filmato queste ultime criticano il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, e chiedono la liberazione. È il secondo video che ritrae dei prigionieri rivolgersi al governo di Tel Aviv, dopo quello di Maya Sham diffuso il 17 ottobre.

Gli ostaggi a Netanyahu: «Vuoi ucciderci tutti? Liberaci adesso»

«Ti sei impegnato a liberare tutti, invece noi paghiamo il fallimento politico, di sicurezza, militare e dello stato per il tuo disastro del 7 ottobre», hanno accusato nel loro appello le tre donne. «Non c’era l’esercito, non c’era nessuno e nessuno ci ha protetto il 7 ottobre, e noi cittadini che paghiamo le tasse ci troviamo prigionieri in condizioni impossibili». Gli ostaggi hanno poi criticato Netanyahu per non aver accettato le proposte di un cessate il fuoco: «Noi siamo ancora qui sotto le bombe». Una delle tre, rivolgendosi sempre al premier israeliano, ha tuonato: «Tu ci uccidi, tu vuoi ucciderci tutti, non ci hai abbastanza massacrato? Non sono morti abbastanza cittadini israeliani? Liberaci adesso, libera i loro cittadini, libera i loro detenuti».

LEGGI ANCHE: Cosa si sa dei detenuti palestinesi che Hamas ha proposto di scambiare per gli ostaggi israeliani

La replica del premier: «Facciamo tutto il possibile»

«Mi rivolgo a Yelena Tropanov, Danielle Alloni e Rimon Kirscht che sono state rapite da Hamas-Isis in quello che è un crimine di guerra: io vi abbraccio, il nostro cuore è con voi. Vi abbraccio», ha detto Netanyahu rivolgendosi alle tre donne. «Facciamo tutto il possibile per riportare a casa gli ostaggi e i dispersi», ha aggiunto, definendo il video «crudele propaganda psicologica». Il premier ha annunciato che terrà questa sera al ministero della Difesa a Tel Aviv una conferenza stampa con i giornalisti stranieri. Alla stessa ora, le 18 italiane, il Forum delle famiglie dei rapiti ha fatto sapere di aver convocato un incontro con i media, al quale parteciperanno le famiglie degli ostaggi comparsi nel video diffuso da Hamas.

Le reti nazionali in Israele non diffondono il video

Le reti televisive nazionali israeliane si astengono per ora dal rilanciare il video prodotto da Hamas. «Si tratta di guerra psicologica di Hamas e dunque non è opportuno rilanciarla», ha spiegato un giornalista delle televisione pubblica Kan. Le emittenti, finora, mostrano solo una inquadratura delle tre donne, accompagnata da un testo informativo di spiegazione.