È morta Haydn Gwynne, attrice di The Crown 5 e The Windsors

Fabrizio Grasso
20/10/2023

L’interprete si è spenta a 66 anni e a settembre si era ritirata dalle scene dopo aver rivelato di avere il cancro. Star soprattutto del teatro britannico, è stata nominata ai Tony e ai Bafta. L’omaggio dei colleghi: «Aveva un’anima gentile».

È morta Haydn Gwynne, attrice di The Crown 5 e The Windsors

Haydn Gwynne, attrice britannica nota per aver recitato nella sitcom The Windsors nei panni di Camilla, è morta all’età di 66 anni. A settembre si era ritirata dalle scene, rivelando al mondo di avere il cancro. «Con grande tristezza, Haydn si è spenta la mattina del 20 ottobre circondata dall’affetto dei suoi cari», ha detto il suo agente in una dichiarazione alla Bbc. «Ringraziamo i medici per le preziose cure che le hanno riservato nelle ultime settimane». In carriera ha recitato in diverse produzioni per il piccolo schermo, tra cui la serie Roma dove ha prestato il volto a Calpurnia, ultima moglie di Giulio Cesare. È apparsa anche nella quinta stagione di The Crown nei panni di Lady Susan Hussey, dama di compagnia della regina Elisabetta II. Star del teatro, ha recitato in spettacoli di William Shakespeare e Bertold Brecht.

Volto della regina Camilla in The Windsors, Haydn Gwynne è morta di cancro a 66 anni. Ha recitato anche in Roma e The Crown 5.
Haydn Gwynne nei panni di Camilla nella sitcom The Windsors (X).

Haydn Gwynne, l’infanzia a Roma e il debutto sul palcoscenico

Come ha ricordato il Daily Mail, Haydn Gwynne coltivò la sua passione per la recitazione sin da piccola, pur senza pensare di diventare un’attrice professionista. Dopo la laurea a Nottingham, trascorse cinque anni a Roma insegnando inglese prima di rientrare nel Regno Unito contro il volere dei suoi genitori per inseguire il suo sogno. Al quotidiano londinese aveva raccontato nel 2015 di aver prima fatto un viaggio a New York dove spesso si recò a teatro, rimanendone folgorata. «Ero preoccupata che i miei pensassero stessi sprecando la mia vita», aveva ricordato l’attrice. «Per fortuna, mi hanno subito supportata». In un’altra intervista, la star britannica ha spiegato che nella vita conta «fare la cosa che ti rende felice, soprattutto da giovani». Grazie al suo talento, ha condiviso il palcoscenico con grandi star di Hollywood, da Helen Mirren a Kevin Spacey.

Volto della regina Camilla in The Windsors, Haydn Gwynne è morta di cancro a 66 anni. Ha recitato anche in Roma e The Crown 5.
L’attrice Haydn Gwynne nel 2014 (Getty Images).

Dal suo debutto negli Anni 80 con il drama The Work, Haydn Gwynne ha preso parte a decine di film e serie tivù britanniche. È apparsa infatti in Peak Practice e Merseybeat, prima di entrare nel cast di Roma. Il progetto che l’ha consacrata è stato però Drop the Dead Donkey, dove interpretò la giornalista Alex in una performance che le valse la sua prima e unica nomination ai Bafta. Recentemente ha vestito i panni della regina Camilla nelle tre stagioni di The Windsors, serie comica disponibile su Netflix che racconta la vita quotidiana della Royal Family e, soprattutto, di Re Carlo III e sua moglie. Ben più lunga la sua carriera sul palcoscenico dei teatri, dove esordì nel 1984 con lo spettacolo His Monkey Wife di Sandy Wilson. Fra i ruoli più celebri quello di Margareth Thatcher in The Audience e dell’insegnante di danza in Billy Elliott.

I progetti in cantiere e il ricordo dei colleghi

Tre le sue nomination ai Laurence Oliver Awards, fra i riconoscimenti più importanti del teatro britannico. Nel 1994 fu lodata la sua performance nel musical City of Angels su libretto di Larry Gelbart. Nel 2015 la seconda candidatura con Donne sull’orlo di una crisi di nervi e, due anni dopo, la terza per L’opera da tre soldi basata sull’omonima opera di Bertold Brecht. Prima della diagnosi del cancro aveva numerosi progetti in cantiere. Sarebbe dovuta tornare per una nuova stagione di The Windsors e per uno spettacolo teatrale di Stephen Sondheim, Vecchi amici. Tanti gli omaggi dal mondo dello spettacolo inglese. L’amico e collega Jack Thorne, autore con J.K. Rowling della sceneggiatura di Harry Potter e la maledizione dell’erede, l’ha ricordata su X come «l’anima più gentile e adorabile nonché un’interprete meravigliosa». Per l’attore Samuel West invece la sua scomparsa segna «una perdita terribile».