Holder, minaccia terrorismo in Usa è alta

Redazione
21/12/2010

  «Contro gli Stati Uniti esiste una minaccia terroristica reale e costante. Gli americani devono essere preparati a potenziali cattive...

Holder, minaccia terrorismo in Usa è alta

 

«Contro gli Stati Uniti esiste una minaccia terroristica reale e costante. Gli americani devono essere preparati a potenziali cattive notizie». È l’allarme che il ministro della Giustizia americano, Eric Holder lancia in un’intervista a Good Morning America, della Abc. Holder teme in particolare attacchi a opera di cittadini americani. In cima alle sue preoccupazioni c’è l’imam radicale Anwar al-Awlaki, un cittadino americano che si ritiene si nasconda nello Yemen. «Si tratta di una minaccia, quella che viene da americani nati e cresciuti qui negli Usa, del tutto nuova, che non esisteva sino a due, tre anni fa. È una cosa che non mi fa dormire la notte», ha aggiunto Holder.
LA MINACCIA INTERNA. «Quello che sto tentando di fare con questa intervista», ha spiegato Holder, «è far capire agli americani che devono affrontare una minaccia reale, diversa e costante. Una cosa che non mi fa dormire la notte e che non esisteva sino a due o tre anni fa. Sinora eravamo preoccupati dall’arrivo di terroristi stranieri. Ora invece dobbiamo difenderci da nostri concittadini che si sono radicalizzati e sono pronti a prendere le armi contro la loro nazione, il luogo dove sono nati e cresciuti».
E i dati gli danno ragione: negli ultimi 24 mesi, sono state incriminate per reati legati al terrorismo 126 persone, 50 delle quali di nazionalità americana. Secondo il ministro molti degli ultimi casi, sempre sventati dagli uomini dell’antiterrorismo, sono legati alla figura di Anwar Al-Awlaki. Sarebbe lui il mandante del nigeriano che voleva far esplodere il Natale scorso un aereo sui cieli di Detroit, di chi ha tentato di far saltare in aria la metro di New York e anche chi puntò a un attentato a Times Square. «È una persona pericolosissima perché ha familiarità con questo paese più di ogni altro terrorista. Stiamo facendo di tutto per bloccarlo. È nella stessa lista di Bin Laden, quella delle persone che mi preoccupano di più», ha concluso Holder.