Il leader della protesta di Hong Kong: «Siamo Berlino nella nuova guerra fredda»

Il giovane attivista chiede all'Europa e alla Germania di condannare il livello barbarico di violenza della polizia.

11 Settembre 2019 11.14
Like me!

La Berlino della nuova guerra fredda. Così Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong ha definito la condizione dell’ex colonia britannica ora cinese: «Hong Kong è la nuova Berlino nella nuova Guerra fredda», ha detto Wong in conferenza stampa nella capitale tedesca.

RAGGIUNTO UN «LIVELLO BARBARICO DI VIOLENZA»


La polizia di Hong Kong negli ultimi tre mesi ha raggiunto un «livello barbarico di violenza» ha detto Wong. «Carrie Lam ha dato luce verde alla brutalità della polizia», ha proseguito il giovane attivista e noi chiediamo all’Europa e alla Germania di condannare questa violenza, ha proseguito il 22enne di Hong Kong.

MERKEL SOSTIENE IL PRINCIPIO DI ‘UN PAESE DUE SISTEMI’

Il mantenimento dei diritti umani è «imprescindibile», ha dichiarato la cancelliera Merkel al Bundestag, secondo quanto ha riferito l’emittente Ntv, a proposito della visita del giovane leader delle proteste di Hong Kong. Nella sua visita della settimana scorsa in Cina la cancelliera ha osservato quanto è importante il rispetto dei diritti umani e «questo è vero anche riguardo a Hong Kong», La Cina ha «responsabilità sempre maggiori nell’ordine multilaterale globale», ha proseguito la cancelliera, a quanto riferisce Ap. «Noi continuiamo a ritenere giusto il principio di ‘un Paese e due sistemi’» ha detto Merkel al Bundestag. Il 10 settembre il Ministro degli Esteri tedesco era stato criticato dalle autorità di Pechino per avere incontrato il dissidente di Hong Kong Joshua Wong durante un incontro informale.

«SAREBBE BELLO PARLARE CON LA CANCELLIERA»

«Qui respiro aria di libertà invece degli aggressivi gas lacrimogeni di Hong Kong», ha detto Wong, leader delle proteste nella territorio autonomo nel sud-est della Cina, secondo quanto riporta la Bild. «Sarebbe bello parlare con qualcuno della cancelleria o con la cancelliera stessa», ha detto il giovane attivista rispondendo alla domanda se fosse deluso di non aver potuto incontrare anche Angela Merkel, dopo aver parlato il 10 settembre con il ministro degli Esteri Heiko Maas. Il mancato incontro fra Wong e la cancelliera è stato deprecato («mi rammarico») in parlamento a Berlino da Christian Lindner, il capo dei Liberali della Fdp (all’opposizione).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *