Diario di una giornata di scontri a Hong Kong

I manifestanti, molti dei quali in nero, si spostano velocemente da una parte all'altra della città. Dandosi appuntamento con una app. Da Mong Kok a Wan Chai fino al lussuoso quartiere di Causeway Bay. Il reportage.

11 Settembre 2019 15.28
Like me!

da Hong Kong

Hong Kong, domenica 8 settembre. All’incrocio tra le centralissime Queen’s Road Central e Pedder Street, la folla dei manifestanti si aggira nervosa. Le strade sono strapiene di gente, un mare di magliette e foulard neri a coprire i volti.

ABITI NERI E OMBRELLI: TRA I MANIFESTANTI ANTI-PECHINO

La frangia più dura dei manifestanti mostra un abbigliamento più estremo, che ricorda i Black Block occidentali: maschere anti-gas, caschi, giubbotti rinforzati e spranghe di ferro. Ma la maggioranza sono ragazzetti e ragazzette comuni, esili, il volto coperto appena con una mascherina di tipo chirurgico. Però nera, non bianca. E poi gli ombrelli. Quelli ce li hanno quasi tutti, quasi sempre neri come le magliette e i pantaloni. Una specie di “coperta di Linus”, visto che risultano ben poco utili contro le violente cariche della polizia, i lacrimogeni, gli spray al peperoncino e i cannoni ad acqua addizionata di composti urticanti, colorata di azzurro per macchiarli e riconoscerli meglio dopo, per arrestarli più facilmente.

Manifestanti a Central Station (foto di Marco Lupis).

UNA PICCOLA RIVOLUZIONE EDUCATA E CERIMONIOSA

È domenica, perché qui a Hong Kong le manifestazioni si fanno principalmente di domenica. Al massimo di sabato. Perché scuole e uffici sono chiusi, e non sia mai che si perda un giorno di lavoro o di scuola per andare a manifestare, sarebbe davvero troppo maleducato. Questa sorta di piccola rivoluzione ha qualcosa di curiosamente educato per i nostri standard occidentali, qualcosa di molto orientale, quasi cerimonioso. Nel pieno degli scontri i poliziotti si rivolgono educatamente ai manifestanti che si spostano senza protestare, dopo essere stati spintonati, ma non troppo. Mentre i ragazzi raccolgono i rifiuti per ripulire le strade.

Agenti in assetto antisommossa in metropolitana (foto di Marco Lupis).

LA POLIZIA INCARNA LA PREPOTENZA DEL POTERE CINESE

Ciò non impedisce alla polizia di spaccare qualche testa, e ai dimostranti più violenti di rompere tutto quello che capita loro a tiro. Come è accaduto alla stazione Central della metropolitana le cui vetrate sono state distrutte a colpi di sampietrini. Venti minuti di botte da orbi, lancio di molti lacrimogeni, poi i poliziotti si sono ritirati e i manifestanti sono riusciti quasi tutti a scappare.

LEGGI ANCHE: Perché a Pechino non conviene usare la violenza a Hong Kong

Sono rimasti a terra in due, mentre gli agenti schiacciano i loro volti sull’asfalto per tenerli fermi e ammanettarli. Quando li hanno portati via uno aveva il volto insanguinato, l’altro stava zitto, i lunghi capelli neri, dritti, così cinesi, gli ricadevano sul volto infantile. Gli occhi di entrambi però erano indomiti, pieni di odio verso i poliziotti, che per loro incarnano tutta l’esecrabilità della prepotenza del potere cinese. Sono i simboli del potere schiacciante di Pechino che nel corso degli ultimi 20 anni, dopo il ritorno alla Cina dell’ex-colonia britannica, si è guadagnato un crescendo di risentimento ormai tramutatosi in odio.

Bastoncini di incenso e biglietti nel quartiere Mong Kok (foto di Marco Lupis).

LE PREGHIERE AL MURO DELLA DEMOCRAZIA

A Mong Kok, un quartiere molto popolare e commerciale, sulla penisola di Kowloon, la stazione della metropolitana di Prince Edwards è chiusa. All’esterno si trova una specie di “muro della democrazia” tappezzato di fiori, perché la stazione è stata teatro di scontri molto violenti ed e stata parzialmente bruciata. I manifestanti sostengono che nei tafferugli vi sono stati diversi morti tra le loro fila, ma la questione è controversa e non sono emerse finora prove certe che sia andata a finire davvero così tragicamente.

LEGGI ANCHE: Il ricordo di quel primo luglio che cambiò il volto di Hong Kong

Comunque i fiori bianchi, segno di lutto in Oriente, non sono lì solo per queste vittime discusse, ma in ricordo dei molti giovani che si sono tolti la vita per le rivolte.

Il muro della democrazia con fiori bianchi in segno di lutto alla fermata della metro Prince Edward (foto di Marco Lupis).

Una decina di giovani, infatti, si sono lanciati nel vuoto, chi da un ponte chi dalle finestre della propria casa, lasciando biglietti che esortavano i loro compagni a non mollare e in cui spiegavano che preferivano morire piuttosto che vivere in una Hong Kong sotto la dittatura della Cina. La gente si ferma: chi accende bastoncini di incenso e si inchina ripetutamente, nella tradizione buddista, chi prega con il rosario o nella sua fede, qualunque essa sia.

Presidio della stampa durante gli scontri di Hong Kong (foto di Marco Lupis).

IL PESTAGGIO DEI GIORNALISTI

Di colpo si sente una serie di spari a cui segue un fuggi-fuggi generale; tutti cominciano a correre verso il quartiere di Wan Chai, manifestanti e giornalisti, bardati anche questi ultimi con maschere anti-gas ed elmetti, ma riconoscibili facilmente per i gilet giallo fosforescente con la scritta «Press». Malgrado siano sempre facilmente distinguibili dai manifestanti, la locale associazione della stampa ha protestato in modo veemente contro il pestaggio di almeno tre colleghi da parte della polizia che ha indetto una conferenza stampa, ma non si è scusata: «Non si sono fatti riconoscere», ha insistito il portavoce, per questo «sono stati scambiati per manifestanti».

Polizia in assetto antisommossa (foto di Marco Lupis).

APP E HOT SPOT WIFI, LA COMUNICAZIONE DELLA PIAZZA

Qualcuno dà l’allarme e in fondo a Statue square si materializza una grande massa di poliziotti in assetto antisommossa con alle spalle molti veicoli di appoggio con sirene e lampeggianti. Manifestanti e poliziotti si infilano di corsa nella metropolitana, direzione Causeway Bay, nella zona Nord della città, per dare vita a nuovi scontri.

Manifestanti anti-Pechino (foto di Marco Lupis).

Da tempo ormai è questa la tecnica adottata da questo movimento senza leader, una guerriglia urbana che cerca di prendere di sorpresa la polizia con flash mob che si riuniscono e si sciolgono con rapidità in punti diversi della città. I manifestanti comunicano attraverso una app che usa gli hot spot wifi. Lasciano i loro Bluetooth aperti ai messaggi in arrivo, e in questo modo la voce si sparge a macchia d’olio da uno smartphone all’altro, evitando i blocchi della polizia come è accaduto in passato con Internet.

Cordone di polizia (foto di Marco Lupis).

LA RIVOLTA ALTO-BORGHESE

Passati i cancelli dell’uscita di Causeway Bay, un fumo denso fa lacrimare terribilmente gli occhi, e un sacco di gente cerca di rientrare in metropolitana, per trovare rifugio. In strada ancora scontri al grido di «Se bruciamo, tu bruci con noi!», «Liberate Hong Kong!», «Non potete ucciderci tutti!». Causeway Bay è un quartiere piuttosto elegante, diciamo pure lussuoso, pieno di negozi e frequentato dalla borghesia medio alta di Hong Kong.

LEGGI ANCHE: Anche a Hong Kong la protesta è femmina

In strada, di fronte alla polizia, ci sono ragazze in minigonna e tacchi che insultano gli agenti. I commercianti fanno lo stesso, come giovani in camicia bianca e cravatta che si uniscono al coro di parolacce in cantonese e in inglese. Poi ricominciano i lanci di lacrimogeni. Per terra rimangono solo i “bossoli”, piccoli, come quelle candelette decorative che si accendono a Natale, con il rivestimento di alluminio.

Una scritta sui muri di Hong Kong (foto di Marco Lupis).

APPUNTAMENTO A UN’ALTRA DOMENICA DI SCONTRI

Quando scende la sera per le strade del ricco quartiere di Hong Kong pare essere tornata la calma. A parte il traffico in tilt perché la polizia ha bloccato le vie principali di Causeway Bay. Una Porsche Cayenne tirata a lucido sorpassa strombazzando un blindato, seguita da una Jaguar di ultimo tipo con la targa personalizzata: «Danielle».

Ogni weekend a Hong Kong si ripetono flash mob e scontri (foto di Marco Lupis).

Al volante una giovane signora elegante che lancia improperi all’indirizzo degli agenti. Ma non in favore dei manifestanti: è infuriata perché i poliziotti non la lasciano passare facendole perdere tempo. Si chiude così un’altra domenica di protesta nelle strade di Hong Kong.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *