Severini

Biochetasi bustine a cosa serve

Biochetasi bustine a cosa serve

La composizione, gli effetti e le modalità di assunzione di Biochetasi bustine

28 Febbraio 2019 17.34

Like me!

Biochetasi in bustine è un farmaco piuttosto blando che può aiutare in diverse situazioni e, proprio perché non troppo forte, non è difficile da trovare e può essere acquistato anche senza specifiche prescrizioni mediche.

Naturalmente ciò non deve far pensare che se ne possano assumere le quantità che si preferiscono. In questi casi è sempre bene consultare il proprio medico e comunque leggere bene i foglietti illustrativi, per essere sicuri di non commettere errori.

Leggi anche "Acidità di stomaco, cosa mangiare"

Cosa sono le bustine di Biochetasi e come agiscono

Le bustine di Biochetasi sfruttano l’effetto dei diversi principi attivi che contengono per trattare i diversi livelli o stati di acidosi e chetoacidosi.

Le sostanze presenti nella medicina hanno tutte un’azione antiacidosica e disintossicante, per favorire il ripristino di un più corretto metabolismo cellulare ed eliminare le sensazioni di malessere che possono insorgere nel soggetto da trattare.

Più nel dettaglio, le bustine di Biochetasi sono composte da:

  • acido nitrico, citrato di sodio e di potassio, per un’azione disintossicante sull’intero organismo;
  • vitamina B1, per favorire l’assimilazione e il pronto utilizzo degli zuccheri, delle proteine e dei grassi;
  • vitamina B2, per equilibrare eventuali sbilanciamenti dei metabolismi lipidici o glucidici;
  • vitamina B6, per assicurarsi che tutte le reazioni biochimiche fondamentali avvengano correttamente.

Generalmente questo farmaco è consigliato per qualsiasi difficoltà digestiva o fenomeno di iperacidità, stati chetonemici che alterano il sistema metabolico dopo digiuni prolungati o diete squilibrate per lunghi periodi, disturbi gastrici legati alla gravidanza e insorgenza di casi di insufficienza epatica.

Non sono indicati effetti collaterali degni di nota, tuttavia è indispensabile non prolungare eccessivamente i periodi di trattamento, per evitare l’assuefazione. Le dosi consigliate sono di una bustina per un massimo di tre volte al giorno per bambini sotto i dodici anni e due bustine per un massimo di tre volte al giorno per adulti.

Leggi anche "Cos'è il reflusso gastrico"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *