Redazione

Business e concorrenza: alle aziende servono sempre più gli influencer

Business e concorrenza: alle aziende servono sempre più gli influencer

Quali vantaggi portano gli influencer alle aziende

21 Marzo 2019 13.43

Like me!

L'avvento dei social network non ha provocato esclusivamente la nascita di nuovi metodi per comunicare, tenersi in contatto con gli amici e condividere le proprie esperienze di vita. I social hanno attuato un cambiamento assai più in profondità di quanto non si immagini.
Una delle conseguenze più rilevanti, derivanti, ovviamente, dalla diffusione totale dei social network, è la nascita di una nuova figura professionale, in grado di esercitare la propria influenza per modificare i flussi di mercato sostenendo una determinata causa; l’influencer.
Sviluppatisi con la diffusione e la conoscenza sempre più approfondita dei nuovi strumenti di comunicazione, oggi gli influencer sono una delle figure chiave (una delle tante, in realtà) del successo di un'azienda commerciale.

Il ruolo degli influencer a fini commerciali

In una logica prettamente commerciale, l’influencer si pone alla base del funzionamento di una qualsiasi sponsorizzazione o partnership tra azienda ed esso. In primo luogo, sarà l'azienda a contattare l'influencer o l'azienda che ne cura gli interessi commerciali.
Una volta entrati in contatto, le due parti si accordano sulla base di un vincolo legato alla creazione di post, contenuti multimediali e tutto ciò che possa servire ai fini della sponsorizzazione di uno o più articoli.
In poche parole, le pagine dell'influencer vengono messe a disposizione dell'azienda affinché questa possa far conoscere i propri prodotti grazie alla popolarità del suo "ambasciatore", il quale si sottoporrà a foto di rito proprio come se si trattasse di un servizio commerciale televisivo. Con la grande differenza che il pubblico social ha la possibilità di apprezzare i contenuti, esprimere opinioni e… spargere la voce.

Vantaggi e necessità nell'affidarsi a un influencer

Alla luce di tutto ciò, ci si rende conto di come gli influencer siano in grado di esercitare un enorme impatto visivo sulla massa. Sono proprio questi i motivi per cui, al giorno d'oggi, un numero sempre più consistente di aziende sceglie di affidare i propri prodotti agli influencer: lasciando che siano gli influencer a pubblicizzare e sponsorizzare un determinato prodotto, si viene a creare una sorta di circolo virtuoso per cui un articolo, invece di apparire solamente in uno spot televisivo o sopra una pagina di giornale, arriva a essere recepito da un pubblico straordinariamente ampio, grazie anche alle tecniche che gli influencer stessi possono utilizzare per ampliare il numero dei propri followers (approfondimento su: marketing-seo.it).

Certo, il trucco sta anche nel saper individuare l'influencer più adatto per i propri scopi aziendali, ma poco cambia. La sostanza è sempre la stessa: affidare un prodotto a una figura popolare significa aumentare notevolmente la visibilità dei prodotti lanciati, con conseguenti vantaggi dal punto di vista economico.

Non è tutto. Un'altra capacità fondamentale degli influencer, essenziale per un'azienda e per battere la concorrenza, è quella di far sì che il grande pubblico si senta coinvolto nel lancio di un prodotto, o che comunque si senta messo nella posizione di poter esprimere un'opinione, magari interloquendo direttamente con l'influencer stesso. In questo modo si viene a creare una sorta di fidelizzazione, un rapporto di fiducia tra influencer/brand e utente che, con tutta probabilità porterà a un acquisto o alla scelta di un determinato brand. Potere dei social network. E degli influencer.

© RIPRODUZIONE RISERVATA