Redazione

Castagnaccio morbido ricetta

Un dolce tipico della tradizione italianaPiemonte, Veneto, Lombardia e Toscana sono solite utilizzare la farina di castagne per la preparazione dei dolci e propongono proprie versioni del castagnaccio, detto anche “baldino” o “pattona”. Il castagnaccio è legato alla tradizione toscana, …

25 Novembre 2015 18.08

Like me!

Un dolce tipico della tradizione italiana

Piemonte, Veneto, Lombardia e Toscana sono solite utilizzare la farina di castagne per la preparazione dei dolci e propongono proprie versioni del castagnaccio, detto anche “baldino” o “pattona”. Il castagnaccio è legato alla tradizione toscana, in particolare a quella di Siena, ed è un dolce davvero semplice da preparare, economico, con pochi ingredienti ma dal gusto saporito. Benché sia un piatto molto antico e se ne trovi traccia già negli scritti del ‘500, pare che la ricetta attuale risalga all’800, quando i toscani esportarono il castagnaccio nel resto d’Italia. In questo periodo, infatti, sarebbe stato arricchito con pinoli, uvetta e rosmarino. Si presenta basso, scuro e non molto soffice. Se si desidera preparare un castagnaccio morbido, sarà sufficiente sostituire l’acqua con il latte nella ricetta tradizionale.

Ingredienti:

750 ml di latte
350g g di farina di castagne
50 g di zucchero
40 ml di olio
1 manciata di pinoli
1 manciata di uvetta
rosmarino
miele o ricotta per accompagnarlo

Procedura

Prima di cominciare, sarà bene mettere a mollo l’uvetta in una ciotola di acqua tiepida per ammorbidirla. In una ciotola capiente si versa la farina di castagne e si uniscono lo zucchero ed il latte poco alla volta. Il composto dovrà essere omogeneo e senza grumi. Il prossimo passaggio sarà unire l’olio, l’uvetta strizzata, i pinoli ed il rosmarino e mescolare.
Si versa il composto in una teglia imburrata ed infarinata (se lo si preferisce si può ungere la teglia con olio di semi e sostituire la farina col pane grattugiato) e si cuoce il tutto a 200° per 40 minuti. Quando sulla superficie cominceranno a formarsi delle crepe, il castagnaccio è pronto. Quando si sarà raffreddato, lo si potrà decorare con pinoli, uvetta e rosmarino.
In alcune ricette, il castagnaccio è arricchito anche dalle noci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *