Chi erano i PAC

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla terza forza del terrorismo rosso: chi erano i PAC e quali erano i membri

24 Gennaio 2019 10.41
Like me!

Quando si parla di Pac, si fa riferimento a una formazione terroristica di estrema sinistra che si è formata nel 1977, in Lombardia.

Si tratta di un gruppo che ha rappresentato la terza forza del terrorismo rosso per numero di attentati. Ma andiamo a scoprire nel dettaglio chi erano i Pac.

I membri del Pac

I dirigenti dei Pac erano Sebastiano Masala, Arrigo Cavallina, Pietro Mutti, Giuseppe Memeo e Luigi Lavazza. Ma il membro più famoso è senza dubbio Cesare Battisti, arrestato nel 2019 in Bolivia dopo anni di fughe e mancate estradizioni.

Il gruppo ha effettuato le sue prime azioni, appoggiando le rivendicazioni operaie come quella dell’8 maggio 1978 in cui è stato ferito il medico Inam Diego Fava, durante il sabotaggio dello stabilimento dell’Alfa Romeo di Milano.

Leggi anche 'Chi erano i partigiani'

Le azioni più importanti, però, sono state quelle contro le strutture carcerarie.

Si ricorda, a tal proposito, il ferimento di Giorgio Rossanigo, medico del carcere di Novara, e di Arturo Nigro, agente del carcere di Verona, e l’uccisione di Antonio Santoro, nel carcere di Udine.

Gli omicidi di Lino Sabbadine  Luigi Torreggiani

Il gruppo ‘operava’ contro tutti coloro che venivano considerati membri o collaboratori delle forze dell’ordine. Proprio per questo, nel 1979, i Pac hanno ucciso Lino Sabbadin e Luigi Torreggiani, ‘colpevoli’ di aver sparato contro dei rapinatori mesi prima.

Leggi anche 'Chi sono le Brigate Rosse'

Dopo queste vicenda, sono cominciate le indagini che hanno portato a degli arresti. Secondo i Pac, alcuni fermati hanno anche subito torture. Per questo, nell’aprile 1979, è stato ucciso Andrea Campagna, agente della Digos di Milano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *