Severini

Colon irritato come curarlo

Colon irritato come curarlo

I sintomi del colon irritabile e i migliori rimedi naturali

01 Marzo 2019 17.48

Like me!

Il colon irritato, altrimenti noto come colon infiammabile, è un tipo di disturbo estremamente frequente, che colpisce in particolar modo le donne.

Le cause possono essere diverse e ancora non sono tutte note, ma in genere il problema deriva da più fattori messi insieme.

Correggendo la propria alimentazione e ricorrendo ad alcuni semplici rimedi naturali, è possibile tornare ad uno stato di forma invidiabile in relativamente poco tempo.

Come prevenire e curare i problemi al colon

A volte il colon infiammato può diventare una vera e propria sindrome, se trascurata o non trattata debitamente: quando la flora intestinale capta qualcosa che non va, cerca di mandare dei segnali all’intero organismo, cambiando improvvisamente la composizione dei microrganismi e portando ad alterazioni che generano infiammazioni e fastidi anche molto violenti.

Un colon infiammato solitamente comporta un immediato gonfiore della pancia, dolori addominali, fenomeni di flatulenza o meteorismo, consistenza delle feci alterata e una certa irregolarità intestinale.

A ciò si legano inevitabilmente irritabilità e stanchezza, difficoltà a concentrarsi, mal di testa, sensazione di costipazione e problemi alla schiena.

Il modo migliore per prevenire il colon infiammato o curarlo quando il problema insorge è curare la propria alimentazione.

Ogni organismo è sensibile a determinati alimenti, quindi sarebbe meglio consultare un esperto per individuare la dieta migliore, ma generalmente i cibi da evitare sono:

  • latte e derivati,
  • insaccati,
  • frutta,
  • verdura,
  • legumi e patate,
  • cioccolata,
  • tè o caffè,
  • qualsiasi bevanda gassata.

Particolarmente consigliabili invece sono:

  • il pesce azzurro,
  • le carni bianche e rosse,
  • i cereali integrati,
  • le uova,
  • la frutta secca,
  • i cibi fermentati.

Tra gli antinfiammatori naturali che possono aiutare nei casi meno gravi ci sono:

  • la malva, che svolge un’attività lenitiva sulle pareti intestinali;
  • la camomilla, dai noti effetti calmanti e rilassanti, utile anche per la sua azione decongestionante;
  • l’aloe, che rafforza il sistema gastrointestinale e immunitario;
  • i probiotici, che reintegrano le sostanze mancanti e fungono da antinfiammatorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *