Marzia Colla

Come curare un ramo di bambù

Come curare un ramo di bambù

Cure e attenzioni per tenere in casa un ramo di bambù dalle foglie lucide e allungate

15 Marzo 2019 07.12

Like me!

Quando si pensa ad un ramo di bambù si intende di solito il Lucky Bamboo o Dracaena sanderiana che diventa una pianta da interni molto originale e bella da vedere.

Il ramo si attorciglia su se stesso crescendo in altezza con colorate foglie di un verde acceso. Assomiglia al ramo di un bambù, ma non lo è affatto, anzi viene considerato come un finto bambù e pianta portafortuna per tutti coloro che la circondano.

È assai ornamentale quando diversi esemplari si intrecciano fra di loro e per la loro bellezza sono stati dipinti e hanno acquistato nel tempo un posto importante nell'arte. 

Leggi anche: La fiaba del Tanabata Matsuri a Hiratsuka

Lucky Bamboo 

Questa pianta perenne è molto resistente e si può tenere tranquillamente all'interno della casa. Raggiunge i 40/50 cm in altezza e cresce velocemente.

La coltivazione può avvenire sia nella terra che in acqua.

Proviene dall'America e dall'Africa e predilige un clima tropicale, di conseguenza ha bisogno di molta luce, ma non dei raggi diretti del sole. Tollera anche ambienti non tanto luminosi dato che è una pianta rustica e quindi si adatta. Non fiorisce

Ti potrebbe interessare anche: Come scegliere le piante per un giardino zen

Le cure principali 

Per mantenere rigogliosa e sana la pianta della Dracaena sanderiana si consiglia di concimarla nel periodo primaverile ogni due settimane diluendo nell'acqua il fertilizzante. Nel periodo invernale invece la concimazione va ridotta al minimo come  per gli esemplari che si trovano in acqua.

L'innaffiatura invece è molto importante perché il terreno deve essere sempre umido e bisognoso di innaffiature frequenti, mentre per il bambù in acqua rinnovare la stessa ogni 10 giorni senza usare l'acqua del rubinetto che contiene cloro.

La potatura si limita a togliere le parti secche o che si sono rovinate.

Va bene mantenere la pianta tra i 18 e 25 gradi cercando di ripararla dalle correnti d'aria e dagli sbalzi eccessivi di temperatura.

Può essere rinvasata ogni due anni e la propagazione deve essere effettuata per talea utilizzando delle piccole parti di fusto.

Se si decide per un ramo di bambù in idrocoltura è bene usare l'argilla espansa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *