Come funziona una seduta di agopuntura

Come prepararsi alla seduta di agopunturaL’agopuntura rappresenta una preziosa guida nell’applicazione di protocolli I quali sono inclusi all’interno della TCM ovverodella medicina cinese tradizionale; si tratta di una antica scuola che durante i secoli ha sempre più perfezionato il suo...

05 Ottobre 2015 11.17
Like me!

Come prepararsi alla seduta di agopuntura

L’agopuntura rappresenta una preziosa guida nell’applicazione di protocolli I quali sono inclusi all’interno della TCM ovverodella medicina cinese tradizionale; si tratta di una antica scuola che durante i secoli ha sempre più perfezionato il suo modo terapeutico che appare almeno suggestivo per alcune patologie di interesse.

Prima di sottoporsi ad un trattamento terapeutico di agopuntura è necessario comprendere che moltissimi punti strategici utilizzati sono reperibili sugli arti superiori ed inferiori, ma non solo,  e per tale ragione è utile indossare abiti che permettano un facile accesso a codeste aree.

Cosa accade durante una seduta di agopuntura

Durante la prima seduta l’agopuntore ha bisogno di acquisire una conoscenza specifica dello stato di salute generale del “paziente” e del motivo per cui si è ricorsi a tale alternativa; codeste informazioni sono necessarie affinché l’esaminatore possa formulare una diagnosi indicativa.

Stabilita questa, si passa alla seduta vera e propria in cui verranno inseriti al paziente sdraiato in un lettino o seduto, degli aghi monouso lunghi circa 30 mm, sottilissimi e flessibili,  in siti specifici del corpo che sono circa cinquecento; tuttavia in una singola seduta vengono utilizzati da uno a dodici punti.

Nel momento in cui si inseriscono gli aghi, il paziente può avvertire un leggero formicolio oppure un dolore sordo; in quest’ultimo caso è sempre utile avvertire l’agopuntore. Gli aghi cosi inseriti possono rimanere nei siti specifici per circa trenta minuti, allo scadere dei quali verranno rimossi. Per ottenere benefici duraturi è necessario ripetere le sedute.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *