Marzia Colla

Come ripartire le spese dell'ascensore

Come ripartire le spese dell’ascensore

Guida sulla ripartizione delle spese dell’ascensore condominiale

14 Marzo 2019 09.04

Like me!

Quando si parla di parti comuni nei condomini ci si riferisce anche all'ascensore, le cui spese ordinarie e straordinarie devono essere ripartite tra i vari condomini e inquilini

Ma la parte da pagare non è sempre uguale per tutti, infatti coloro che abitano al piano alto spenderanno di più in confronto a quelli del primo piano. 

Leggi anche: Ascensori: una guida alle regole di installazione e ai costi di manutenzione

Ripartizione spese 

Tutte le spese di manutenzione o di rinnovo che riguardano l'ascensore del condominio gravano con quote differenti su tutti i condomini in relazione ai millesimi del proprio appartamento e all'altezza del piano.

Quindi, la spesa sarà composta per metà dal valore dell'appartamento e per l'altra metà dall'altezza del piano. Così, il condomino del primo piano per la metà del costo totale riferito al piano dovrà pagare metà della quota a carico del condomino del piano successivo oppure un terzo in confronto al proprietario del terzo piano. 

Tuttavia, le spese variano anche a seconda del tipo di ascensore e dai lavori che si effettuano e che rientrano nella manutenzione straordinaria oppure ordinaria. 

Per saperne di più: Regole condominiali per cani in ascensore

Spesa ordinaria 

Tra le spese ordinarie per l'ascensore ci sono gli interventi che si verificano regolarmente nel tempo come per esempio il cambio delle lampadine, la pulizia oppure i contratti di Manutenzione annuale. 

Leggi anche: Come affrontare la paura dell’ascensore

Spesa straordinaria

Se ci sono delle spese non regolari ecco le spese straordinarie, causate magari da improvvisi blocchi dell'ascensore o problemi al motore e riparazioni varie. 

Tabella millesimale 

Per quel che riguarda invece la tabella millesimale dell'ascensore è bene sapere che viene definita dalla Legge Italiana. Nella stressa sono presenti le quote di proprietà espresse come rapporto tra valore edificio e valore appartamento.

Il primo valore è uguale a mille e così tutti i calcoli che ne derivano saranno millesimali.

Nella tabella ascensore sono indicati i valori degli appartamenti con i quali poter calcolare le spese per ogni inquilino, tenendo in considerazione il piano.

Infatti, per calcolare la quota ascensore bisogna unire la metà del costo usando la tabella millesimale con l'altra metà che segue l'altezza del piano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *